FIFA, è il giorno di Infantino: “voglio tornare a Reggio da Presidente, nel mio piccolo appartamento zeppo di ricordi”

FIFA, è il giorno delle elezioni: il reggino Gianni Infantino verso l’elezione a Presidente. Esattamente dieci anni fa ha ricevuto il San Giorgio d’oro

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

E’ il grande giorno di Gianni Infantino, nato in Svizzera da genitori reggini il 23 marzo 1970. Il dopo-Blatter e’ cominciato oggi alle 9,45 a Zurigo con l’apertura del Congresso straordinario della Fifa da parte del presidente ad interim Issa Hayatou. In serata verrà eletto il nuovo presidente della federcalcio mondiale. Infantino nel 2006 ha ricevuto dall’allora sindaco Scopelliti il premio “San Giorgio d’oro” e ha dichiarato di aver acquistato recentemente una casa a Reggio ricordando la sua infanzia vissuta in riva allo Stretto: “ho troppi ricordi di questa città e del profumo di questa terra per dimenticarmene”. In una recente intervista a Repubblica ha confermato di voler tornare a Reggio “da Presidente della Fifa, nel mio piccolo appartamento zeppo di ricordi di mio padre e della mia infanzia”.

Il congresso

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Nei scorsi mesi, la Fifa e’ stata troppo al centro dell’attenzione per motivi sbagliati. E’ venuto il tempo di parlare nuovamente della Fifa per i buoni motivi, ossia il calcio”, ha esordito Hayatou. ”Dobbiamo far passare le riforme ed, insieme al nuovo presidente che sarà eletto, lavorare insieme per un futuro brillante”. Il presidente del Cio, Thomas Bach, parlando ai delegati delle federazioni ha sottolineato che ”si tratta di un giorno straordinario per il vostro sportavete la possibilità di ritrovare la credibilità ed al Cio sappiamo quel che ci vuole per centrare questo obiettivo. E’ un duro lavoro quotidiano ma sono certo che la Fifa saprà segnare il gol vincente”. La prima parte del congresso, in mattinata, e’ dedicata alla presentazione ed al voto delle riforme della Fifa. A seguire, probabilmente nel pomeriggio, sono previsti i discorsi dei cinque candidati alla presidenza (il principe Ali, Jerome Champagne, Gianni Infantino, lo sceicco Salman e Tokyo Sexwale) di une quindicina di minuti ognuno. Si chiuderà quindi con l’elezione vera e propria.

Le parole di Infantino

Sono molto fiducioso. Se posso prendere più di 100 voti nella prima votazione? Sicuro, anche di più“. Lo ha detto Gianni Infantino, segretario generale dell’Uefa candidato alla presidenza della Fifa, ai microfoni di Sky Sport al suo arrivo al Congresso straordinario della Fifa a Zurigo che eleggerà il nuovo presidente.

LaPresse/Reuters
LaPresse/Reuters
LaPresse/Reuters
LaPresse/Reuters