Eroici poliziotti salvano neonata reggina di 4 mesi, tragedia sfiorata a Villa San Giovanni

Villa San Giovanni, poliziotti salvano una neonata di Reggio Calabria che era rimasta chiusa in macchina e si stava soffocando

polizia (3)Tragedia sfiorata ieri pomeriggio a Villa San Giovanni, in pieno centro: soltanto l’eroico intervento di due poliziotti ha evitato il peggio. Una semplice visita familiare stava per concludersi molto male quando una coppia di Reggio Calabria, uscendo dall’abitazione di un parente, si divideva. Il marito si dirigeva verso il bar per comprare le caramelle al figlio più grande (di circa 7-8 anni), mentre la madre iniziava a sistemare in macchina l’altra figlia, di appena 4 mesi, in vista del rientro a Reggio. Tutto succedeva in pieno centro a Villa San Giovanni, nel giro di pochi minuti. La madre, dopo aver sistemato la piccola sul seggiolino, appoggiava le chiavi dell’automobile sul sedile e chiudeva lo sportello per fare il giro e sedersi dall’altro lato. Mentre faceva il giro intorno all’automobile, però, si bloccavano le sicure e la neonata rimaneva da sola chiusa dentro la macchina con le chiavi. La donna, subito allarmata, si prodigava a chiamare il marito che cercava un altro mezzo per correre a Reggio e prendere a casa le altre chiavi. Troppo tempo per la piccola, che intanto iniziava a piangere in modo sempre più affannoso.

I minuti trascorrevano veloci, sembravano ore. La bambina piangeva sempre di più diventando rossa paonazza. La donna, in preda al panico, decideva di chiamare la polizia e dal vicino Commissariato di Villa San Giovanni partiva immediatamente una volante con a bordo quelli che sarebbero presto diventati i due angeli custodi di tutta la famiglia. Giunti sul posto, i poliziotti hanno immediatamente capito la gravità della situazione. Quando la neonata ha iniziato addirittura a boccheggiare hanno deciso di intervenire, aprendo l’auto rompendo un finestrino e sbloccando la portiera. In questo modo hanno salvato la piccola che è subito potuta tornare tra le braccia della madre riuscendo così a tranquillizzarsi nel giro di pochi minuti.

Un piccolo-grande gesto che testimonia l’importanza delle forze dell’ordine che ogni giorno si dimostrano vicine ai cittadini non solo per le grandi operazioni contro la criminalità organizzata ma anche nella quotidianità delle “piccole” cose, non meno significative per la tutela della sicurezza della gente.