Decreto Reggio, Ripepi: “non uccidete il futuro della città”

Ripepi: “se passa l’ipotesi del Sindaco, Reggio diventerà una città fantasma”

palazzo san giorgio1“Non si può decidere il destino di Reggio da soli o con il supporto dei propri cari. Non è una questione di famiglia. La paventata rimodulazione del “Decreto Reggio”, eufemismo usato da chi fa il possibile per atteggiarsi a nuovo che avanza e la sua essenza è quella del fighettismo statico. Il futuro di Reggio non può passare attraverso i desideri del Sindaco e dei suoi sodali. Serve un dibattito pubblico in consiglio comunale per stabilire scelte e priorità. Opere come il Water front, il Museo del Mare, non possono essere liquidate nel segreto dei salotti per vanaglorie familiari”, scrive in una nota Massimo Ripepi, consigliere comunale di Reggio. “L’unica consistenza di queste posizioni, l’unico peso specifico di queste scelte – prosegue- è una bassa definizione della Città, condannandola ad un lento ed inarrestabile declino. Questa è un’ossessione manipolatoria di voler a tutti i costi eliminare le cose buone universalmente riconosciute. Le uniche volte che Reggio ha avuto una risonanza mondiale che non fosse quella della ndrangheta è stato in occasione dei progetti delle opere del Water front, Museo del Mare ecc. Così si vuole riportare in alto l’immagine della Città? Questo atteggiamento ridondante se non pedante dove vuole portare? Ma alla fine non si capisce il senso dell’operazione, se non come alibi per dire abbiamo fatto qualcosa. Per questo – conclude- diventa urgente ed imprescindibile convocare un consiglio comunale dove il Sindaco presenterà la sua “rimodulazione” confrontandosi con la Città ed assumendosi la responsabilità di scelte scellerate che faranno cadere Reggio nell’oblio, nella desertificazione, nella mediocrità, nella rovina della Città”.