Allerta Meteo, attenzione giovedì 18 al Sud: dopo il caldo record arriva un violento ciclone

Allerta Meteo al Sud Italia per giovedì 18 febbraio: un violento ciclone in transito sul mar Jonio, dal Nord Africa ai Balcani, provocherà fenomeni meteo estremi in tutte le Regioni meridionali. Tra Puglia, Basilicata e Calabria rischio alluvioni lampo, grandinate e trombe d’aria

Allerta-Meteo-secondo-ciclone-Italia-giovedì-18-febbraio2-640x451Sono ore di gran caldo al Sud Italia, l’atmosfera è “sporcata” da ingenti quantità di pulviscolo giallastro proveniente dal deserto del Sahara, e le temperature sono eccezionali per il periodo, senza precedenti nella storia. Stamattina registriamo picchi di +25°C in Sicilia,+24°C in Campania e Calabria, +22°C in Puglia e nel Lazio. La città più calda è Barcellona Pozzo di Gotto con+25°C, seguita da Reggio Calabria che è a +24°C e Napoli vicinissima ai +23°C, poi Messina, Marsala, Brindisi, Battipaglia e Fondi a +22°C e Bari, Salerno, Trapani e Castellammare di Stabia a +21°C, Palermo, Catania, Latina, Caserta e Cassino a +20°C. Nel pomeriggio le temperature aumenteranno ulteriormente con valori a ridosso dei trenta gradi centigradi, come previsto nei bollettini di ieri.

Intanto gli ultimi aggiornamenti confermano il slm_gph500_med_60.000001-300x183passaggio di un secondo ciclone sull’Italia a metà settimana, e precisamente nella giornata di giovedì 18 febbraio. La tempesta attraverserà il mar Jonio da sud/ovest verso nord/est, proveniente dal nord Africa e diretto sui Balcani. Una situazione che su MeteoWeb avevamo già illustrato sin dalla scorsa settimana con le previsioni del primo e del secondo ciclone, il primo al Nord ad inizio settimana, il secondo al Sud nei giorni centrali della settimana, e con l’arrivo dei primi +30°C della stagione nel Mediterraneo centro/orientale, puntualmente toccati ieri in Grecia in attesa degli altri valori superiori ai trenta gradi delle prossime ore e dei prossimi giorni.

Oggi, ad esempio, potrebbe raggiungerli l’Albania dove Tirana ha appena toccat064-300x199o i +27°C. Mentre tra Spagna, Marocco e Algeria si stanno verificando abbondanti nevicate fino a bassa quota e freddo molto intenso, nei Balcani sembra estate con temperature senza precedenti nella storia per il mese di febbraio. Stamattina la temperatura ha raggiunto i +21°C addirittura a Bucarest, capitale della Romania.

La causa di queste aEUMETSAT_MSG_RGB-12-12-9i-segment1411-300x195nomalie è il ciclone che sta colpendo l’Italia centro/settentrionale con forte maltempo, piogge e temporali. Ma anche al Nord il clima è mite per il periodo, ad esempio stamattina abbiamo +17°C a Viareggio, +16°C a Pisa, +13°C a Pordenone, +12°C a Verona, Padova e Treviso,+11°C a Udine e Venezia. La stessa tempesta sta portando maltempo e caldo, con ingenti quantità di sabbia del deserto Sahariano sulle nostre Regioni meridionali.

Ma torniamo alla previsione per giovedì 18 febRtavn541-300x248braio: dopodomani il secondo ciclone risalirà dal nord Africa verso i Balcani attraversando il mar Jonio e provocando forti venti, piogge e temporali nelle Regioni meridionali. Le temperature diminuiranno in libera atmosfera di oltre 10°C, e questo provocherà sbalzi termici netti da cui si origineranno fenomeni estremi. Proprio a causa del gran caldo di questi giorni, il maltempo di giovedì sarà particolarmente violento con grandinate e trombe d’aria nelle zone più colpite.

Giovedì mattina i primi giovedì-ore-19-300x233fenomeni colpiranno Sicilia e Calabria, intensificandosi nelle ore centrali della giornata tra Sicilia orientale e Calabria jonica ed estendendosi contemporaneamente a Basilicata e Puglia. Localmente i fenomeni saranno molto intensi, seppur brevi, e il maltempo interesserà anche Molise, Campania e seppur in modo più marginale l’Abruzzo. Oltre alle precipitazioni si alzeranno forti venti, stavolta di maestrale tra basso Tirreno e Canale di Sicilia, e di levante sulla Puglia. La Puglia sarà la Regione più colpita a causa della convergenza di venti e correnti che alimenterà per oltre 12-18 ore fenomeni temporaleschi violentissimi sull’asse che va da Taranto a Bari.

Infatti i fenomeni più violenti, giovedì pomergiovedì-ore-13-300x278iggio, si verificheranno proprio tra Puglia e Basilicata, con possibili tornado e intense grandinate, ma anche piogge alluvionali. Una situazione particolarmente estrema da monitorare con grande attenzione, perché anche se siamo a metà febbraio lo scenario meteorologico è tipico dei mesi autunnali e con questo caldo l’energia in gioco è enorme, con fenomeni estremamente violenti in agguato. Per monitorare la situazione in tempo reale ecco le pagine relative al nowcasting: