AIL Cosenza ad Acri con i ragazzi dell’Istituto Comprensivo “Vincenzo Padula”

Ail CosenzaCirca 200 ragazzi questa mattina hanno accolto i rappresentanti di AIL Cosenza presso l’Istituto Comprensivo “Vincenzo Padula” di Acri per quella che è stata ribattezzata “Giornata della Solidarietà” dagli stessi alunni e professori della scuola. Una piccola somma, raccolta in occasione del mercatino di Natale nel corso del quale i ragazzi hanno “venduto” a genitori, insegnanti e parenti dolci e oggetti da loro realizzati, è stata devoluta ad AIL Cosenza. L’Istituto è molto sensibile al tema delle malattie del sangue e alle problematiche dell’assistenza ai malati ematologici: la figlioletta di uno degli insegnanti della scuola, infatti, è stata colpita da una di queste malattie; da qui la scelta di realizzare la raccolta fondi attraverso il mercatino e poi devolvere la somma proprio alla sezione cosentina di AIL. “Ci aspettavamo calore, umanità e tanto entusiasmo – ha detto l’avvocato Ornella Nucci, presidente di AIL Cosenza al termine dell’incontro – ma non potevamo immaginare che ragazzi così piccoli potessero realizzare, coordinati dagli insegnanti e dal Dirigente Scolastico, un momento di solidarietà e condivisione così coinvolgente ed emozionante. L’orchestra della scuola ci ha accolti, suonando in onore nostro, ma anche e soprattutto in segno di vicinanza e riconoscenza verso il loro ex professore e maestro di musica che in questo momento sta affrontando, insieme alla sua famiglia, questa sfida durissima.” “Sono stati momenti davvero toccanti – ha concluso l’avvocato Nucci – le parole non bastano per ringraziare questi ragazzi, i loro insegnanti, il Dirigente Scolastico, professor Giuseppe Straface, non soltanto per la donazione, della quale siamo immensamente grati, ma anche per averci regalato questi frammenti di sincera emozione e genuino entusiasmo, come solo i ragazzi sanno donare”. Dopo l’esibizione dell’orchestra della scuola, l’avvocato Nucci ha illustrato ai ragazzi presenti l’attività di AIL, spiegando l’importanza delle iniziative a sostegno dei malati ematologici e delle loro famiglie. Presente all’incontro la Signora Ortenzia Fusaro, rappresentante AIL ad Acri, volontaria e attiva collaboratrice dell’associazione che ha ricordato (facendo riferimento anche alla sua vicenda personale) quanto il sostegno di AIL con le sue iniziative e l’azione dei suoi volontari sia fondamentale per chi ogni giorno lotta contro le leucemie e le altre malattie ematologiche. È poi intervenuto il Dottor Francesco Mendicino, Dirigente Medico dell’UOC di Ematologia dell’Annunziata di Cosenza, il quale ha spiegato quanta importanza rivesta l’assistenza ai pazienti ematologici che quotidianamente offrono i volontari AIL. “La malattia ematologica – ha voluto precisare il Dottor Mendicino – non è soltanto una malattia del sangue e del corpo. Come molte patologie ha una componente psicologica importante e si traduce in una sofferenza dello spirito che soltanto la solidarietà e la costante umana vicinanza possono sanare. AIL è in grado di fornire questa solidarietà e questa vicinanza, anche grazie a persone come voi, che fanno donazioni e si impegnano per sostenerci”.

Ail Cosenza