Sicilia, Carlo Muratori presenta al teatro di Noto il nuovo progetto discografico “sale”

muratori 2Ha scelto Noto, capitale del barocco siciliano e città regina del Val di Noto, per presentare il suo nuovo progetto discografico “Sale” in un’attesissima anteprima nazionale. Carlo Muratori torna nuovamente sulla scena della più ricercata musica d’autore per raccontare la Sicilia attraverso un percorso di originale scrittura e raffinatissima esecuzione, edito dalla Squilibri editore, frutto di quasi due anni di lavoro. Lo spettacolo d’anteprima nazionale del live tour è in programma per il prossimo 6 gennaio 2016 alle ore 21 al teatro comunale “Tina Di Lorenzo” a Noto e si muoverà sulla scia dei nuovi brani del disco. La produzione artistica del cd è di Stefano Melone, già collaboratore di Ivano Fossati, Fabrizio De Andrè, Tosca ed altri grandi interpreti della canzone italiana. In questa nuova opera Muratori sposta ancora una volta la prospettiva nella quale eravamo abituati a collocarlo, fra il recupero e la trascrizione di documenti della tradizione popolare. In “Sale” il cantautore siracusano affronta un progetto canzone di più ampio respiro, con degli arrangiamenti orchestrali del tutto innovativi e con una poetica straordinariamente attuale e moderna. L’artista si muove in quel crinale in cui la poesia si converte in musica e la musica si prolunga nella scrittura, delineando un potente e delicato affresco sulla propria terra in cui il recupero della memoria storica e folgoranti istantanee sul presente si innestano su sapienti tessiture armoniche, esaltate dal talento straordinario di un musicista capace come pochi di smuovere pensieri ed emozioni. Pagine di una storia dolentemente immobile e sempre eguale a se stessa si intrecciano così ad altre storie, incontrate per le irte strade che portano dalla piazza del paese alle coste di carrubi e Nero d’Avola, spettinato dal vento di Scirocco. Impregnati di una memoria salmastra di passati remoti e di attesa per un futuro da benedire col sale, questi brani raccontano di una Sicilia assunta a metafora di una più generale condizione esistenziale in cui non vorremmo più apparire come figuranti in un presepe, immobili come statue di sale. Da segnalare la collaborazione avviata con Franco Battiato che insieme a Muratori all’interno del disco interpreta il brano “Povira patria”. Sul palco del teatro di Noto oltre a Carlo, voce e chitarra, ci saranno Marco Carnemolla voce e basso, Maria Teresa Arturia voce e fisarmonica, Massimo Genovese plettri, Francesco Bazzano batteria, Christian Bianca violino, Matteo Blundo viola, Stefania Cannata violoncello e Carmen Marino vocalist. Pierpaolo Latina e Salvo Carpanzano ingegneri del suono.