San Filippo del Mela, il referendum sull’inceneritore accende le polemiche

La domanda che verrà posta ai cittadini potrebbe indurre in errore quanti si recheranno alle urne: per questo il comitato dei contrari indica la via per la formulazione del quesito

manifestazione no css ram milazzo (5)Siete voi favorevoli alla realizzazione di un impianto di incenerimento e/o coincenerimento all’interno della centrale termoelettrica di  San Filippo del Mela?”. Davide Fidone, presidente del Comitato dei Cittadini contro l’inceneritore, ha scritto una lettera ai primi cittadini della Valle del Mela per chiedere che il referendum sull’impianto Edipower sia formulato secondo questa dizione. “L’inceneritore proposto è stato denominato dall’azienda stessa ‘Impianto di Valorizzazione Energetica di CSS’. Per ovvie ragioni, non stupisce l’uso di una terminologia generica e artificiosamente  benevola da parte dell’azienda, che ha tutto l’interesse di far apparire il proprio progetto come moderno e pulito. Ma la realtà purtroppo è ben diversa. Sotto la superficie della denominazione benevola, la sostanza del progetto parla chiaro: essenzialmente si propone un impianto per la combustione di oltre 500.000 tonnellate di rifiuti l’anno, sotto forma di CSS, ovvero la frazione combustibile dei rifiuti, essenzialmente costituita da plastica e carta” ha precisato Fidone nella sua nota, chiedendo al contempo d’informare correttamente i cittadini affinché possano compiere nel segreto dell’urna una scelta realmente consapevole.