Reggio, Maiolino: “l’amministrazione ha delle difficoltà a programmare”

palazzo san giorgio1“Questa’amministrazione, verosimilmente, ha delle difficoltà palesi nel carpire il significato intrinseco del termine “programmazione”. Immotivata ipocrisia si manifesta ogni giorno sui giornali all’interno dei quali tra classifiche e metafore marinaresche non si fa altro che ostentare aria fritta“, è questo il pensiero di Maiolino, consigliere comunale di Forza Italia. Si domanda il consigliere comunale: “ma perché basarsi virtualmente sui freddi numeri che non rispecchiano la cruda realtà di una città con serie difficoltà? Perché si parla da un anno di programmazione dell’amministrazione della svolta che buca i problemi quotidiani? Vorrei che si focalizzasse l’attenzione su un elemento di fondamentale importanza e non solo dal punto di vista esteriore, ovvero la riqualificazione del manto stradale e tutte quelle opere di manutenzione ordinaria che vengono straordinariamente affidate ad una programmazione a lunghissimo termine. Il Sindaco Falcomatà e il delegato alla manutenzione stradale, Rocco Albanese – prosegue- dovrebbero spiegare ai cittadini, compresi i 600 intervistati nell’indagine del Sole 24 ore sul gradimento dei sindaci, cosa intendono per programmazione; dovrebbero chiarire elementi fondamentali quali tempistica e attuazione; dovrebbe motivare le scelte dell’amministrazione tutta di ritenere poco importante la riqualificazione e manutenzione del manto stradale. L’esempio lampante che rende oggettivamente sgradita ai cittadini la presa di posizione di Albanese riguarda i lavori di manutenzione ordinaria della rete viaria comunale nelle ex circoscrizioni. Due gare d’appalto infinite che, considerando le applicazioni degli accordi sugli appalti pubblici, rappresentano uno smacco per i cittadini reggini. Logisticamente la gara d’appalto ha delle scadenze ridicole che non tengono conto di una città con una manutenzione ordinaria del manto stradale totalmente assente; il termine ultimo per il ricevimento delle offerte è fissato, con calma piatta, in data 08/02/2016 con conseguente apertura delle offerte fissata in data 09/02/2016; tenendo conto, inoltre, dell’eventuale possibilità di presentazione di ricorso giurisdizionale entro 30 giorni dalla conoscenza del provvedimento di aggiudicazione si ricadrà chiaramente al mese di Marzo. Ieri – aggiunge- pensavo che il cittadino reggino facesse molta fatica nel pregare affinché si potesse ottenere ciò che gli spetterebbe di diritto; oggi pensò invece che il cittadino incredulo non riesca a concedere un briciolo di credibilità all’amministrazione che ha programmato, programma e continuerà a programmare tutto e niente. La manutenzione ordinaria delle strade manca a questa città e non rappresenta un problema da sottovalutare. Se i cittadini avessero votato l’indice di gradimento dei sindaci a dicembre, sostiene il Sindaco, avrebbero valutato diversamente quanto fatto da questa amministrazione; conclude una sua intervista con una metafora che calza a pennello, usciti infatti da una tempesta nel bel mezzo del mare si dovrà continuare a remare per raggiungere la terra ferma. Con molta ironia credo che sia meglio il mare in tempesta della terra ferma che, oggi, caratterizza Reggio Calabria; quantomeno si andrà ad ovviare al problema delle buche”, conclude.