Reggio, l’isola pedonale del corso Garibaldi è diventata una vergognosa autorimessa. La FOTO-denuncia

Reggio, che vergogna sul Corso Garibaldi: la città è abbandonata al degrado, all’inciviltà e all’incuria

reggio corso garibaldiInciviltà della gente, ma anche abbandono da parte delle istituzioni e assenza di controllo da parte degli organi preposti. Le immagini che arrivano dal corso Garibaldi, isola pedonale nel cuore della città, principale strada dello shopping, dello svago e del commercio, sono simboliche del periodo di degrado che sta vivendo la città. Una città in mano ai barbari nel silenzio assordante e quasi complice di chi dovrebbe garantire ordine, sicurezza e decoro e invece rimane indifferente di fronte a questo scempio.

Pubblichiamo integralmente la foto-denuncia inviata a StrettoWeb da un nostro lettore, che ci scrive quanto segue inviandoci le immagini a corredo dell’articolo:

Spettabile Redazione,
Sono uno studente fuori sede, “emigrato” 6 anni fa, che nelle festività torna quei pochi giorni nella cara e amata Reggio. Ormai abituato alla civiltà milanese, ogni volta che torno a Reggio Calabria vedo una città abbandonata a se stessa, sporca, senza un minimo senso civico. Camminare in un area pedonale e DOVERSI spostare per far passare le auto che passano indisturbate sul Corso Garibaldi (loro possono) non penso sia una cosa si possa vedere in altre città. E meno male che adesso c’è il sindaco della #svolta che parla di legalità, di trasparenza, di riordino, di controllo… Allego un piccolo reportage e sarei felice di vedere un bell’articolo sull’assenza di civiltà e di controllo.. non voglio né meriti né firme né menzioni. Voglio semplicemente rivedere la MIA Reggio bella come una volta. Bella quando 30 vigili controllavano le auto in divieto sul corso, bella quando camminavi sui marciapiedi senza dover scansare bisogni degli animali, cartacce, sacchi dell’immondizia, erbacce… la realtà è che non meritiamo nulla di tutto questo perché non sappiamo ciò che abbiamo. Non vogliamo il turismo? bene, almeno teniamoci una città gioiello per noi stessi!… potrei scrivere poemi, purtroppo (o per fortuna) perché son sempre stato civile in questa città, anche quando non avevo un occhio abituato ad altre realtà che adesso evidenzia e ingrandisce la realtà. Cordialmente, Saverio Gullì“.

corso garibaldi (9)Saverio interpreta il sentimento di tutta la gente per bene di questa città, StrettoWeb sposa in pieno la sua foto-denuncia che segue a decine di altri articoli pubblicati negli ultimi mesi sulle condizioni del corso Garibaldi, dove tra l’altro i lavori per la realizzazione della nuova pavimentazione sono completamente bloccati da mesi. Secondo la time-line dei lavori, l’opera doveva essere inaugurata a dicembre 2015, siamo a gennaio 2016 e invece non siamo neanche al 50%. Nella zona Sud, da piazza Garibaldi a piazza Camagna, la pavimentazione è stata realizzata ma ancora sono presenti i lampioni di cantiere che costringono l’area ad un vergognoso buio. Inoltre da piazza Campagna a piazza Carmine non sono neanche iniziati i lavori per la nuova pavimentazione. Ed è assurdo che non venga rispettato l’ordine e la legalità nell’isola pedonale, dove i pedoni ogni giorno sono costretti a muoversi in una giungla di automobili. L’isola pedonale di fatto non c’è più. Come non c’è più quella Reggio bella e pulita che fino a qualche anno fa ci rendeva molto orgogliosi di essere reggini.