Reggio, Imbalzano sulle mense scolastiche: “Mauro disattento e poco lucido”

mense scolasticheL’attenzione rivolta al tema alla qualità dei cibi nelle mense scolastiche non può divenire motivo di una sterile polemica- dalla quale peraltro culturalmente rifuggiamo- ma soltanto uno stimolo a realizzare un lavoro più puntuale e scrupoloso all’interno delle sedi istituzionali su un tema che coinvolge la sicurezza alimentare degli studenti. Tuttavia non possiamo non  constatare che pure in questa circostanza una voce critica, che si pone fuori dal coro degli adulatori, genera reazioni politicamente scomposte e a tratti dileggianti”.

E’ quanto afferma Pasquale Imbalzano capogruppo Area Popolare – Nuovo Centrodestra al Comune di Reggio Calabria.

Infatti, avuto riguardo alle dichiarazioni del consigliere Mauro inerenti l’utilizzo di prodotti a Km zero sui banchi delle mense scolastiche, cogliamo l’occasione per rappresentargli che tale impiego di alimenti è sì  menzionato nel vecchio capitolato d’appalto, ma con altro termine, ossia con il riferimento a prodotto tipico o prodotto tradizionale, rispetto al quale è ragionevole ritenere che con esso  s’intenda l’utilizzo di prodotti provenienti dal territorio e quindi di breve percorrenza per raggiungere l’utilizzatore finale.

“Inoltre, la questione del Km zero è sicuramente un aspetto rilevante ma non è certo garanzia di qualità –basti pensare al territorio aversano, in Campania, ove l’utilizzo del Km zero risulta rischioso per via dell’insalubrità della Terra dei Fuochi – quindi lo stesso assumendo un aspetto principalmente economico, poiché favorisce la commercializzazione e la vendita di alimenti prodotti nella stessa zona , con conseguente vantaggio imprenditoriale per  le aziende del territorio, e non esclusivamente – come erroneamente si vuol far credere – per la tutela dell’interesse igienico-sanitario o persino ambientale”, continua Pasquale Imbalzano.

Pertanto, ci saremmo attesi migliori e più persuasivi argomenti da parte del consigliere Mauro che, con evidente disattenzione e scarsa lucidità, non solo non ricorda i caratteri specifici del vecchio capitolato d’appalto in riferimento al servizio mense scolastiche, ma neppure il percorso che abbiamo politicamente tracciato in questo primo scorcio di legislatura e,  in maniera irragionevole, intendendo cancellare in un sol colpo oltre un anno della nostra corposa attività consiliare.Attività che si è distinta sia per presenza costante all’interno delle Commissioni che in Consiglio, quanto soprattutto per la considerevole quantità e la stretta attualità delle proposte deliberative, delle mozioni, delle interrogazioni e degli interventi sollevati, alcune delle quali – ancora oggi- attendono risposta”, conclude Pasquale Imbalzano.