Reggio, il Partito Comunista: “da Renzi vergognoso scippo alla città, Falcomatà e Oliverio complici di un governo nemico”

Reggio Calabria dall'alto“L’ineccepibile e circostanziata denuncia del presidente dell’ANCE Calabria, Francesco Berna, relativa al nuovo scippo perpetrato dal governo Renzi nei confronti dei calabresi attraverso il taglio secco dell’enorme importo di 6 miliardi di euro, precedentemente destinati ad indispensabili lavori da effettuarsi sulla sempre incompiuta A3 Sa-Rc e sulla SS 106, la famigerata strada della morte che miete nuove vittime giorno dopo giorno, rappresenta l’ennesima incontrovertibile certificazione di un vero e proprio vergognoso odio anti-meridionalista che caratterizza l’azione del governo nazionale espressione del PD”. Lo afferma in una nota Ivan Tripodi, segretario cittadino del PCdI di Reggio Calabria.

“I fatti lasciano poco spazio alle interpretazioni o alle chiacchiere inutili poiché la realtà degli atti parlamentari e delle decisioni ministeriali consegna alla Calabria e ai calabresi questo “regalo” confezionato con il silenzio e la complicità dei tantissimi ascari che, pur essendo calabresi, avallano servilmente tutte le nefandezze del governo Renzi. Infatti, è letteralmente offensivo e insultante, nei confronti del popolo calabrese, l’assordante e indecente silenzio che su questa gravissima vicenda hanno assunto la fallimentare giunta Oliverio, la deludente amministrazione comunale reggina guidata da Falcomatà, nonché tutta la deputazione nazionale e regionale del PD fino ad arrivare all’ultimo circolo di quel partito: tutti muti e servilmente supini nell’accettare senza il benché minimo spirito critico le nefandezze politiche assunte dal governo Renzi a danno della Calabria e dei calabresi”.

“Si evidenzia una totale e assoluta inconsistenza politica di soggetti che dimostrano di non avere a cuore le sorti del futuro sociale, economico e infrastrutturale del nostro territorio poiché sono impegnati ad ubbidire al padroncino di turno. In tal senso, vi è una ulteriore barbarie poiché, a nostro avviso, è inammissibile tacere, per esempio, sullo scippo dei fondi destinati alla SS 106, una strada che proprio in queste ore è stata teatro dell’ennesimo incidente nel quale hanno perso la vita due giovanissimiRiguardo a quanto tragicamente accade giornalmente sulla SS 106 vi sono evidenti responsabilità politiche e morali che investono direttamente, con nomi e cognomi ben precisi, i vertici del Paese sui quali sarebbe ora che qualcuno vada a chiedere il conto. La sciatteria non può essere accettata, pertanto, è necessario evidenziare, a tutti i livelli, i gravissimi ed incalcolabili danni che siamo costretti a subire a causa delle scelte del governo Renzi, sostenute ed avallate asetticamente dal PD, che, ancora una volta, si dimostra nemico dei calabresi e massacratore della Calabria”.