Reggio, i repubblicani piangono Demetrio Cugliandro

Lutto“Era l’anno 1943, Demetrio Cugliandro, aveva appena 16 anni, giovanissimo già dimostrava una grande passione per la politica e per i valori repubblicani e mazziniani e per questo è stato uno dei primi ad iscriversi alla sezione Sardiello, partecipando attivamente alla vita politica e collaborando con lo stesso Avv.Sardiello e con un gruppo di amici federalisti europei capitanati, come lui stesso riferisce in un suo articolo di qualche anno fa, pubblicato sulla voce repubblicana, da Altiero Spinelli e con essi un gruppo di anarchici. Altri amici di allora: il giornalista Gino Gullace, l’avv. Gaetano Sardiello, padre di Raffaello, Ambrosiano, Provazza, Cilea, Sollima e l’ing. Parisi di Santa Cristina. L’amico Demetrio collaborava disinteressatamente nella gestione amministrativa del partito, si notava subito in quell’uomo una grande umiltà, un profondo attaccamento al partito ed a suoi ideali e un rispetto per tutti. Era un appassionato lettore, persona colta. Cugliandro è stato la memoria storica del PRI Reggino e si è sempre ritenuto “fedele custode”, scrivono in una nota i repubblicani reggini. “I riconoscimenti politici per Cugliandro – proseguono i repubblicani- sono stati tanti: una prima volta quando ha ricevuto la spilla d’oro dell’Edera, per i suoi quarant’anni di militanza e lealtà al partito. Una seconda volta, in occasione dei suoi sessant’anni di militanza , gli è stata donata una Edera d’oro ed una pergamena firmata dal Presidente del partito di allora on. Giorgio La Malfa, consegnatogli direttamente dal Segretario Nazionale On. Francesco Nucara con la seguente dedica “ persona seppur modesta in apparenza …”.. “ Così deve essere un vero repubblicano, non fregiarsi di storico e mazziniano”. Non si è mai sentito Demetrio Cugliandro polemizzare - aggiungono i repubblicani- con qualcuno del partito, quanto meno con i dirigenti succedutesi nel tempo, tutt’altro, Egli ha avuto per tutti parole di stima e di elogio per l’attività da loro svolta. Per tutto questo la dipartita del compianto amico Demetrio rappresenta una grave perdita, oltre che per la sua famiglia: la gentile signora Angelina, la figlia Velia e gli adorati nipotini , per tutti gli amici repubblicani della Sezione Sardiello e di tutta Italia, che hanno avuto modo di conoscerlo, apprezzandone le sue qualità umane e politiche. Alla famiglia tutta, gli amici repubblicani, esprimono le più sentite condoglianze e la partecipazione al loro grande dolore”, concludono i repubblicani.