Reggio, duro colpo alla ‘ndrangheta: maxi confisca alla cosca Libri

Reggio: sequestrati beni per circa 600.000 euro

polizia (3)La Polizia di Stato ha messo a segno un ulteriore attacco ai patrimoni illecitamente acquisiti da soggetti appartenenti alla ‘ndrangheta. Oggi, infatti, è stata data esecuzione a un provvedimento di confisca emesso dalla Corte d’Appello di Reggio Calabria, originato da una proposta del Questore di Reggio Calabria, effettuata sulla scorta di un’articolata attività di natura patrimoniale svolta dalla locale Divisione Anticrimine.

Il citato provvedimento ha interessato beni riconducibili a QUATTRONE Francesco Giuseppe cl.’ 62, ritenuto affiliato alla cosca LIBRI, condannato in via definitiva alla pena di sei anni e sei mesi di reclusione per il reato di associazione mafiosa e trasferimento fraudolento di valori, nell’ambito della c.d. “Operazione Testamento”. Le indagini patrimoniali, condotte dal locale Ufficio Misure di Prevenzione della Divisione Polizia Anticrimine, hanno dimostrato la sproporzione tra i redditi percepiti dal proposto e il patrimonio a lui direttamente o indirettamente riconducibile, frutto del reimpiego di capitali illeciti. La Corte d’Appello di Reggio Calabria, accogliendo le risultanze delle suddette investigazioni, ha disposto il sequestro di tre unità immobiliari ubicati nei Comuni di Reggio Calabria e Bova Marina:

Il valore del patrimonio confiscato ammonta complessivamente a circa 600.000 euro.