Reggio, da venerdì partono le iscrizioni a scuola per quasi 13 mila allievi della provincia [INFO e DETTAGLI]

Da venerdì 22 gennaio i genitori di quasi 13.000 allievi reggini davanti al rebus delle iscrizioni alle prime classi dei vari ordini di scuola

scuolaParte la maratona che vedrà coinvolti circa tredicimila tra bambini e ragazzi della provincia di Reggio Calabria per la scelta della prima classe di elementari, medie e superiori da frequentare nell’anno scolastico 2016/17. Ci sarà tempo dalle 8,00 del 22 gennaio alle 20,00 del 22 febbraio, infatti, per iscrivere i propri figli  attraverso la procedura prevista dal MIUR sul portale www.istruzione.it Le iscrizioni on line riguardano anche i corsi di istruzione e formazione  dei Centri di formazione professionale regionali; l’adesione delle scuole paritarie al sistema delle ‘Iscrizioni on line’ resta facoltativa anche quest’anno.

QUALI LE MODALITA’

Tre anni fa al debutto del sistema on line di iscrizione per i genitori fu una vera ansia. Oggi il sistema è rodato e le famiglie sono più avvezze alla procedura. Confermata l’iscrizione cartacea per la scuola dell’infanzia,che potrà essere effettuata sempre dal 22 gennaio al 22 febbraio prossimi. Per effettuare l’iscrizione on line deve essere individuata la scuola di interesse. Per accompagnare genitori e studenti nella loro scelta, il Miur ha ulteriormente rinnovato il Portale ‘Scuola in chiaro’ che raccoglie i profili di tutte le scuole italiane e consente la ricerca rapida degli istituti di zona in base al proprio indirizzo di residenza (cercalatuascuola.istruzione.it). Da quest’anno sempre su ‘Scuola in chiaro’, è possibile consultare il Rapporto di Autovalutazione di ciascun istituto che contiene informazioni preziose per la scelta delle famiglie:gli esiti degli studenti, la loro prosecuzione negli studi o nel mondo del lavoro, elementi sulla organizzazione del curricolo, l’organizzazione oraria. Il progetto didattico  della scuola è invece reperibile nel Piano dell’offerta formativa che, per effetto della riforma, diventa triennale. Il Piano è il documento costitutivo dell’identità culturale e progettuale delle istituzioni scolastiche e contiene la progettazione curriculare, extracurricolare,educativa ed organizzativa che le singole scuole adottano nell’ambito della loro autonomia. I nuovi Piani triennali saranno disponibili sui portali delle singole scuole e su ‘Scuola in chiaro in concomitanza col periodo delle iscrizioni. La domanda di iscrizione potrà essere compilata per tutto il periodo indicato dal Miur. Non è previsto che le domande arrivate per prime abbiano la precedenza. Per poter iscrivere i propri figli attraverso il servizio on line è necessaria la registrazione sul portale dedicato che nei prossimi giorni sarà rinnovato nella sua veste grafica per rendere più facile la navigazione anche attraverso i dispositivi mobili. Le registrazioni sono già partite dal 15 gennaio  per consentire alle famiglie di prendere confidenza con il portale. Sulla pagina web dedicata saranno resi disponibili specifici materiali informativi; video tutorial, brochure, faq. Il sistema ‘iscrizioni on line’ si farà carico di avvisare le famiglie in tempo reale, via posta elettronica, dell’avvenuta registrazione e delle variazioni di stato della domanda di iscrizione. Sarà inoltre possibile seguire l’iter della domanda attraverso una App dedicata. Le famiglie senza connessione Internet possono rivolgersi alle segreterie delle scuole.

 SCUOLA DELL’INFANZIASCUOLA:STUDENTI IN CLASSE E GENITORI FUORI DALLA SCUOLA.ATT.PEREGO - SCUOLA ELEMENTARE DI VIA NOE - Fotografo: FOTOGRAMMA

La domanda è cartacea e va presentata alla scuola prescelta. Possono essere iscritti alle scuole dell’infanzia i bambini che compiono il terzo anno di età entro il 31 dicembre 2016, che hanno la precedenza e anche quelli che compiono il terzo anno di età entro il 30 aprile 2017.

SCUOLA PRIMARIA

Le iscrizioni si fanno on line.I genitori possono iscrivere alla prima classe della scuola primaria i bambini che compiono i sei anni di età entro il 31 dicembre 2016 e quelli  che compiono i sei anni dopo il 31 dicembre 2016  e comunque entro il 30 aprile 2017. Possono indicare, in subordine rispetto all’istituto scolastico che costituisce la loro prima scelta, fino ad un massimo di altri due istituti di proprio gradimento.

SECONDARIA DI I GRADO

All’atto dell’iscrizione, i genitori esprimono le propri opzioni rispetto alle possibili articolazioni dell’orario settimanale che può essere di 30 oppure di 36 ore elevabili fino a 40(tempo prolungato), in presenza di servizi e strutture idonee. Oltre al primo istituto prescelto è possibile indicare fino ad un massimo di altri due istituti di proprio gradimento.

SECONDARIA DI II GRADO

La domanda di iscrizione alla prima classe di un istituto di istruzione secondaria di secondo grado statale viene presentata a una sola scuola e permette di indicare , in subordine, fino ad un massimo di altri due istituti di proprio gradimento oltre quello prescelto. La circolare da indicazioni precise anche in merito alle iscrizioni nelle sezioni coreutiche, musicali e sportive.

PER I GENITORI STRANIERIinsegnante_sostegno_scuola

La circolare contiene informazioni dettagliate sulle iscrizioni di alunni con disabilità, con disturbi di apprendimento e con cittadinanza non italiana. Con riferimento a questi ultimi , anche i genitori stranieri in Italia sono naturalmente chiamati a iscrivere i loro figli. L’istruzione è un diritto per tutti i bambini e i ragazzi, indipendentemente dal Paese d’Origine e dalla condizione dei loro genitori, che hanno l’obbligo di far loro frequentare la scuola. Gli immigrati regolari potranno procedere all’iscrizione online su https://iscrizioni.pubblica.istruzione.it, alle stesse condizioni degli italiani. Se i figli non hanno ancora il codice fiscale, ad esempio perché sono appena arrivati in Italia con un ricongiungimento familiare, il sistema permette di generare un codice provvisorio che consente di comunque di portare a termine la procedura. Il discorso cambia per i genitori sprovvisti di permesso di soggiorno. Anche se sono in Italia irregolarmente devono comunque mandare i figli a scuola, ma anziché fare l’iscrizione online dovranno rivolgersi di persona alla segreteria dell’istituto che hanno scelto, senza paura di essere denunciati. La scuola non comunicherà la loro situazione alla polizia: il diritto allo studio è più importante della lotta all’immigrazione irregolare.

QUALI SONO I NUMERI DI QUESTA OPERAZIONE A REGGIO CALABRIA E IN PROVINCIA.

In uscita dalla scuole dell’infanzia statali nella provincia di Reggio Calabria sono 2.370 bambini per accedere alla scuola primaria(cui vanno ad aggiungersi i provenienti dalle private e dalle paritarie); dalla quinta elementare giungeranno alle prime classi della media inferiore  5.127 allievi. Quasi   5.500 , invece, gli alunni che ,superati gli esami di licenza, dovranno iscriversi alle prime classi delle superiori. Da questi dati si evince quanto sia vasta l’utenza delle famiglie interessate a questa fase di operazioni nella nostra provincia.

LE OPZIONI PER LA SCUOLA SUPERIOREprimo giorno di scuola

Non c’è dubbio che l’ansia però colpisce di più i genitori dei ragazzi che dovranno iscriversi alla scuola superioreDopo la riforma Gelmini, come si sa, gli indirizzi delle superiori si sono notevolmente snelliti (come si vede nella legenda allegata). Sei indirizzi per chi sceglie il Liceo: Classico, Scientifico (con l’opzione scienze applicate senza latino e  anche la sezione ad indirizzo sportivo , presso il Liceo scientifico Volta di Reggio Calabria), Linguistico, delle Scienze Umane (con l’opzione Economico sociale), Artistico (con sei opzioni) e Coreutico  e musicale. Gli studenti che scelgono la formazione tecnica possono optare tra due indirizzi di studio: Istituto tecnico economico (suddiviso a sua volta in due indirizzi) e Istituto tecnico tecnologico, suddiviso in nove indirizzi. Per la scuola professionale si può optare tra due settori: Industria e Artigianato (con due indirizzi) e Servizi (con quattro opzioni). Quindi si consiglia ai genitori di capire cosa vuole fare il figlio e avere ben chiara la distinzione fra istituto tecnico, professionale e liceo.

QUALI SONO STATE LE PREFERENZE PER L’ANNO SCOLASTICO IN CORSO

Per l’anno scolastico corrente le  maggiori preferenze si sono indirizzate verso i Licei con una  percentuale del 49.4% ( prevalenza dell’indirizzo scientifico 17,1%, quindi del classico con l’8,3%, del linguistico con il 5,4%, delle scienze umane con il 4,5%, dell’artistico con il 3% e a seguire le scienze umane opzione sociale con l’1,7% e musicale e coreutico dell’1%). I Tecnici sono stati preferiti  dal 31,5% degli studenti, in prevalenza orientati verso il settore tecnologico 20,9% e settore economico  10,6%.. A seguire  i Professionali con il 19,2%, con prevalenza verso il settore servizi 15,4% e industria e artigianato 3,7%. E’ presumibile che queste tendenze saranno confermate anche per il prossimo anno scolastico.

L’OBBLIGO DI ISTRUZIONE

L’attuale normativa italiana prevede che dopo la conclusione del percorso di studi alla scuola media non ci si possa fermare. Sussiste infatti l’obbligo di istruzione che si può articolare in una quaterna di modalità. La più seguita fra queste è la frequenza del primo biennio delle superiori, in scuole statali o paritarie; l’opzione successiva riguarda la frequenza dei corsi di formazione professionale nei centri accreditati dalla Regione o negli istituti professionali;in terza battuta va bene anche la stipula di un contratto di apprendistato, a condizione che lo studente abbia compiuto il quindicesimo anno di età. Raramente si verifica la quarta opzione,quella dell’istruzione parentale, seguendo precisi obblighi e indicazioni del dirigente scolastico  presso cui regolarmente è stata inviata l’iscrizione nei tempi previsti.

MA COME SI SCEGLI LA SCUOLA?migranti a scuola

I 36 istituti superiori e i 61 istituti comprensivi della nostra provincia  si stanno mettendo  in mostra:esaltano virtù educative, espongono efficienza e bollini di qualità. I dirigenti fanno scendere in campo gli insegnanti più votati alla persuasione. Giornate aperte e depliant, campus e programmi mirabolanti per orientare la scelta dei genitori sul futuro dei figli. La posta in gioco è alta: formare le classi per il nuovo anno. Sono le mamme ,dicono, a scegliere la scuola dei figli dopo l’esame di terza media (i padri si impongono con l’università).Seguire gli interessi del ragazzo, le attitudini, i consigli dei professori, gli sbocchi futuri, l’amico del cuore o la vicinanza della scuola, il caso? Ogni esperto ha i suoi consigli. Vanno bene tutti, per dire che quello sicuro non c’è. Forse tra cuore e ragione. In generale le  scuole superiori reggine raggiungono discreti se non buoni standard qualitativi. Le eccellenze rare sono spalmate. Gli insegnanti ,poi, provengono dalla stessa formazione universitaria, non è che nel liceo bene del centro i prof. vengono da Orford o hanno fatto due master in più del collega che insegna al professionale in periferia. Di sicuro, ma pochi lo fanno, bisogna dare più peso al giudizio dei prof., in buona parte dei casi lungimiranti. I genitori, poi, dovrebbero chiedere una scuola che sappia riconoscere e certificare competenze e  abilità; che sappia rispettare le vocazioni , che sappia educare alla generosità e non solo al successo individuale; che sappia garantire serenità nel tempo-scuola; che sappia riconoscere e apprezzare i talenti, privilegiare i saperi fondamentali, senza fare  troppo o troppo poco, rimandando alla famiglia buona parte di tutte le “educazioni” piovute sui programmi. Che sappia trasmettere passione ,attraverso la curiosità e lo studio. E tutto questo bisogna chiederlo agli insegnanti durante l’open day. Altrimenti che serve la scuola aperta?

NON SOLO LICEI:TUTTI I SETTORI

Uno per uno, materie di studio e indirizzi delle tipologie di scuole superiori:licei, istituti tecnici, e professionali.

LICEI

Liceo classico:Punta sullo studio della civiltà classica e della cultura umanistica. Favorisce la formazione letteraria,storica e filosofica.

Liceo linguistico: E’ incentrato sullo studio di 3 lingue straniere e delle corrispondenti culture.

Liceo musicale e coreutico: Si apprendono scrittura e lettura degli spartiti l’esecuzione della musica ,la storia della danza.

Liceo scientifico: Coniuga preparazione umanistica e logico matematica. Con la riforma si è aggiunto l’indirizzo di Scienze applicate che potenzia l’attività di laboratorio di alcune materie curriculari, tra cui chimica, fisica,biologia, informatica. Presente l’indirizzo sportivo.

Liceo artistico: Prevede sei indirizzi. Accanto alle tradizionali arti figurative, vi è il corso di architettura e ambiente, quello di design, di arti audiovisive e multimediali, in grafica e scenografia.

Liceo scienze umane: E’ l’erede delle scuole magistrali, punta sulla pedagogia. Il curriculum economico e sociale prevede ore di diritto.

ISTITUTI TECNICIscuolabus

Settore economico: Ha due indirizzi. Uno punta sull’economia aziendale e sullo sviluppo delle strategie di marketing e sulle relazioni internazionali. Il secondo è specifico per diventare operatore turistico, con tre lingue straniere.

Settore tecnologico: Con i suoi 9 indirizzi, forma periti meccanici, elettrotecnici, ma anche esperti informatici, tecnici della robotica, della comunicazione e del nuovo settore della moda. Comprende anche l’indirizzo agroalimentare e agrario.

ISTITUTI PROFESSIONALI

Settore industria e artigianato: Insegna l’artigianalità aiutata dalle nuove tecnologie, con ore di laboratorio e stage professionalizzanti nelle imprese locali. C’è anche l’indirizzo per le tecniche di manutenzione e assistenza tecnica.

Settore servizi: Sviluppa le competenze del terziario. Dalle tecniche di allevamento per il curriculum agricoltura, all’igiene e cultura della salute, optometria e ottica, per i servizi sociosanitari. Poi, la specificità dell’alberghiero, con tanti laboratori dall’accoglienza alla ristorazione, fino ai servizi commerciali per le aziende.

I TEMPI

Domande di iscrizione :dalle ore 8 del 22 gennaio alle 20 del 22 febbraio

PER REGISTRARSI AL PORTALE SONO NECESSARI:

-          Documento di identità

-          Indirizzo e-mail

-          Codice fiscale

PER COMPLETARE LA REGISTRAZIONE BISOGNA SCEGLIERE UNA PASSWORD

-          Da 8 a 14 caratteri

-          Che contenga numeri e maiuscole

PER PRESENTARE UNA DOMANDA DI ISCRIZIONE SONO NECESSARI

-          Codice identificativo della scuola

-          Dati anagrafici

I DATI DELLE SCUOLE SI TROVANO

-          Sul sito ‘scuola in chiaro’

-          In segreteria

LA DOMANDA

-          Va salvata in formato pdf

-          Si può modificare rivolgendosi alla scuola