‘Ndrangheta, Bindi: “la cattura dei latitanti premia il duro lavoro investigativo”

Rosy Bindi - foto LaPresse

Rosy Bindi – foto LaPresse

Rosy Bindi, presidente della commissione antimafia in merito all’arresto di questa mattina dei due super latitanti afferma: ”la cattura di Giuseppe Crea e Giuseppe Ferraro, pericolosi latitanti e capicosca della ‘ndrangheta è uno straordinario risultato che premia il duro lavoro investigativo della Dda e della squadra mobile di Reggio Calabria. L’operazione di questa mattina assesta un colpo durissimo alla ndrangheta della provincia reggina per lo spessore criminale dei due latitanti, entrambi ricercati per gravissimi delitti ma ancora attivi nella gestione degli affari dei clan e nelle capacità di controllo militare del territorio, come dimostra anche l’arsenale ritrovato nel bunker”. “Ringrazio gli uomini della polizia di Reggio Calabria e dello Sco, ai magistrati della Dda e al Procuratore Cafiero de Rhao per la determinazione con cui hanno lavorato, dimostrando ancora una volta l’impegno delle Istituzioni a contrastare i poteri mafiosi“.