Messina, via libera dall’Ars: passa il ddl sul Piemonte

Intesa raggiunta in sede assembleare: il nosocomio di viale Europa si fonderà con l’Istituto Neurolesi

ARS - foto LaPresse

ARS – foto LaPresse

Il Parlamento Regionale ha approvato, nel pomeriggio di oggi, l’emendamento che proroga di un mese il termine per il decreto attuativo della legge Irccs-Piemonte. Le forze politiche presenti all’Ars hanno trovato un’intesa sulla fusione col Centro Neurolesi Bonino-Pulejo, sebbene sia stato respinto un emendamento dei grillini durante le votazioni. Questi, alla resa dei conti, hanno optato per l’astensione, ma l’atto è passato ugualmente con 50 voti favorevoli e nessun contrario. L’intesa politica era stata raggiunta a grandi linee nel corso di un vertice pre-seduta, all’interno del quale gli esponenti della deputazione cittadina si erano confrontati col presidente dell’Ars, Giovanni Ardizzone, e con l’assessore responsabile, Baldo Gucciardi. Quest’ultimo avrà 30 giorni per emanare i decreti attuativi della legge. Sciolto anche il nodo patrimoniale: i locali del Piemonte, secondo quanto anticipato in mattinata, restano al Papardo.