Messina, il Museo Regionale incontra la Scuola

Le visite di scolaresche proseguono ormai regolarmente, dall’inizio dell’anno scolastico, con iniziative mirate ad agevolare la fruizione degli studenti e la loro “immersione” tra le opere lungo il percorso espositivo dell’antica filanda

foto 1 - Pittori per un giornoIl Museo regionale di Messina diretto da Caterina Di Giacomo, perseguendo con la collaborazione degli storici dell’arte e del referente per la didattica Elena Ascenti, uno degli obiettivi prioritari della sua attività volta a rinforzare i canali di dialogo con il territorio ed in particolare con il mondo della scuola ha avviato con successo una serie di significativi appuntamenti. Le visite di scolaresche proseguono ormai regolarmente, dall’inizio dell’anno scolastico, con iniziative mirate ad agevolare la fruizione degli studenti e la loro “immersione” tra le opere lungo il percorso espositivo dell’antica filanda. Fra i progetti posti in essere “Giochiamo al Museo”, gioco a squadre lungo percorsi museali che ha già interessato classi di Scuola Stefano D’Arrigo di Venetico, e “Pittori per un Giorno” che a gennaio ha visto alternarsi oltre 200 bambini della Scuole primarie Pietro Donato e S. Francesco di Paola che hanno potuto interpretare con i loro disegni le opere preferite fra quelle esposte nelle sale museali.

E’ iniziato il 13 gennaio con la prolusione del direttorefoto 2 - V corso aggiornamento Di Giacomo e il primo contributo di Enrico Vita dal titolo Una maniera nuova: Il caso di Palazzo Grano il V Corso di aggiornamento sul tema Cosmopolitismo nella cultura artistica messinese: il patrimonio del Museo Regionale, riservato ai docenti delle scuole statali e paritarie di ogni ordine e grado del comune e della provincia di Messina e alle guide turistiche abilitate. 110 iscritti che otterranno l’attestato e parecchi uditori seguiranno quindi il nutrito programma che vedrà avvicendarsi dirigenti e funzionari del Museo fino all’ultimo incontro del 9 marzo cui seguiranno, come di consueto, gli appuntamenti con gli ospiti. Mercoledi’ 27 è stata la volta dei funzionari Giusy Larinà e Agostino Giuliano con riflessioni su alcuni straordinari reperti del Museo.