Messina, celebrata ieri la giornata mondiale del Migrante e del Rifugiato

Festa rifugiato (1)Anche l’Arcidiocesi di Messina Lipari Santa Lucia del Mela, grazie all’impegno degli Uffici Migrantes e Famiglia, della disponibilità della fraternità francescana e la presenza di Mons. Letterio Gulletta, delegato arcivescovile per la chiesa S. Maria di Porto Salvo, hanno suggellato la settimana dedicata ai nostri fratelli migranti, con una solenne celebrazione presieduta dal l’amministratore apostolico Mons. Antonino Raspanti. Un rito intenso, arricchito da danze e canti tradizionali, durante il quale 43 giovani di diversa etnia hanno ricevuto il sacramento della confermazione, alla presenza di numerosi sacerdoti, rappresentanti del laicato e del primo cittadino Renato Accorinti. Il Vescovo di Acireale è stato accolto da “una comunità festosa, rappresentante dell’unica chiesa messinese”, come ha sottolineato Mons. Letterio Gulletta: “Con gratitudine accogliamo la Sua presenza – ha proseguito – quale segno sacramentale, memoria della bontà di Cristo e conferma certa di un cammino di fede suggellato dallo Spirito Santo”. Il Vescovo, apparso particolarmente entusiasta dell’accoglienza riservatagli dalle comunità presenti, ha voluto riflettere sull’importanza di superare i pregiudizi e le ostilità che ancora oggi sono presenti non solo tra comunità diverse, ma anche all’interno dello stesso contesto sociale o familiare: “Sebbene l’atavico scontro tra il bene e il male – ha detto – sarà pienamente compiuto in cielo, Cristo ha voluto piantare sulla terra il segno di un’umanità riconciliata, fatta di relazioni nuove e amore tra fratelli. Si tratta della Chiesa, comunità dei credenti, capace di superare le divisioni rispettando l’identità e la dignità di ciascuno”. Rivolgendosi poi direttamente ai cresimandi, testimoni di ferite profonde legate all’abbandono della terra di origine insieme alle proprie famiglie, ha chiesto di arricchire senza omologazione ma mettendo a disposizione il loro “bagaglio personale fatto di valori, tradizioni, colori (non fisici), la civiltà comune, testimoniando così la bellezza e l’unica fede in Cristo Gesù”. Particolarmente commosso, il direttore dell’Ufficio diocesano Migrantes Santino Tornesi ha ringraziato il Vescovo per la sua presenza indice di “continuità a quell’attenzione che tutti i Pastori hanno dimostrato verso una mobilità umana che si presenta sotto i due volti delle immigrazioni forzate e stabili, ma pur sempre problematiche, a causa di una politica dell’accoglienza che trova ancora molte difficoltà nel garantire a queste persone i diritti fondamentali”.

 Rachele Gerace