Maltempo, violenti temporali con furiose grandinate nella notte al Sud. Adesso torna il caldo

Ultime ore di maltempo al Sud: violenti temporali con grandine e venti impetuosi, ma già da oggi pomeriggio migliora con temperature nuovamente in aumento

grandine (8)Il maltempo ha colpito duramente il Sud Italia nella notte, con violenti temporali soprattutto in Calabria e Sicilia. La tempesta dell’Epifania si sta concludendo in queste ore mattutine con le ultime precipitazioni residue: sono caduti tra 20 50mm di pioggia con intense grandinate. Quella che alle 04:30 della notte ha colpito Reggio Calabria imbiancandola con chicchi molto grossi ha provocato persino dei danni, nonostante si sia verificata in notte fonda.

 Oltre ai forti temporali grandigeni, intensi anche i venti di maestrale che in Sicilia hanno superato i 90km/h. La neve ha imbiancato i rilievi oltre i 1.300/1.400 metri. Le temperature sono diminuite in tutt’Italia, nuovamente su valori invernali: all’alba la colonnina di mercurio è piombata a 0°C a L’Aquila, a +1°C a Terni, a +2°C a Viterbo, a +4°C a Roma, a +5°C a Foggia, Frosinone e Latina, a +6°C a Bari, Lecce, Ancona e Brindisi. Ma è un raffreddamento che durerà pochissimo, soltanto qualche ora. Già da oggi pomeriggio infatti le temperature torneranno ad aumentare in tutt’Italia, e anche in modo abbastanza netto e deciso. La colonnina di mercurio si impennerà soprattutto al Sud, dove nel weekend tornerà a splendere il sole per un mite flusso sud/occidentale. Caldo in aumento anche al Centro/Nord dove però continuerà il maltempo, ma la neve cadrà solo ad alta quota sulle Alpi oltre i 1.500/1.700 metri, mentre si scioglierà completamente quella caduta negli ultimi giorni sull’Appennino, anche ad alta quota.

Una fase calda che durerà almeno fino a metà della prossima settimana; poi a cavallo di metà mese potrebbero verificarsi un paio di sfuriate fresche e perturbate, tipicamente invernali, ma senza alcun eccesso di freddo e senza vere e proprie ondate di gelo. Anzi, continueranno ad alternarsi flussi miti sud/occidentali: l’anticiclone rimarrà sempre in agguato nell’attesa di una vera svolta stagionale di cui ancora non si scorge alcuna possibilità all’orizzonte.

Fonte MeteoWeb