Lettera aperta all’Assessore della Salute della Regione Siciliana Gucciardi

ospedale piemonte messinaDi seguito la lettera aperta all’Assessore della Salute della Regione Siciliana On. Baldassare Gucciardi

Egregio Assessore Gucciardi,

la Legge Regionale del 9 ottobre 2015 n. 24 relativa all’accorpamento dell’Ospedale Piemonte all’IRCCS Centro Neurolesi Bonino-Pulejo non ha per nulla salvato l’Ospedale Piemonte e il suo Pronto Soccorso, così come da più parti viene proclamato. L’Ospedale Piemonte con il Pronto Soccorso e le specialistiche ad esso connesse con la suddetta Legge, infatti, sono stati destinati a sparire. Già abbiamo assistito al trasferimento all’Ospedale Papardo del Pronto Soccorso Pediatrico, del Pronto Soccorso ostetrico e dei reparti di Ostetricia e Ginecologia, Pediatria e Utin,, in barba ad una Ordinanza del Sindaco che vietava che ciò accadesse. A breve toccherà al Pronto Soccorso Generale chiudere i battenti. I gravi pericoli per la salute – e la sopravvivenza! – dei cittadini che per lunghi decenni hanno visto l’Ospedale Piemonte quale unico punto di riferimento al centro di Messina ma anche della Provincia – con un’utenza di 350mila abitanti! –, sono stati più volte denunciati da questo Comitato anche con ripetuti esposti presso la Procura di Messina. Abbiamo sempre sostenuto che l’accorpamento con l’IRCCS fosse una soluzione ottimale per evitare la paventata chiusura del Piemonte. Di fatto, però, l’Ospedale Piemonte con queste modalità viene, comunque, cancellato, trasformandosi in un grande polo riabilitativo. Ma non sarà più un Ospedale e punto di riferimento per l’emergenza-urgenza! Ieri, inoltre la Gazzetta del Sud riportava una intervista del DG Vullo da cui, ancora una volta viene “evocata” una funzione di supporto del policlinico che riduce il pronto soccorso del Piemonte ad una sorte di “astanteria” da cui smistare i pazienti alle varie specialistiche:  ancora una volta si trova la maniera di  progettare l’ eliminazione del pronto soccorso del Piemonte in barba all’ ordinanza sindacale, ed alla legge regionale. Per questo ci appelliamo a Lei, affinché in un apposito Decreto Assessoriale vengano fissati i punti fondamentali, affinché venga garantita la continuità e, laddove si siano già create delle carenze, il ripristino di importanti e fondamentale riferimenti per l’emergenza-urgenza.

Nel dettaglio, chiediamo che:

-          si mantenga il Pronto Soccorso Generale;

-          si ripristini il Pronto Soccorso Ostetrico;

-          si ripristini il Pronto Soccorso Pediatrico;

-          si ripristinino le specializzazioni attinenti l’emergenza-urgenza.

-          si stabiliscano i posti letto in maniera distinta;

-          si stabilisca il numero del personale medico, infermieristico e ausiliario.

Distinti Saluti

Il presidente del Comitato “Salvare l’Ospedale Piemonte”       

Marcello Minasi