L’Associazione basta vittime sulla SS106: “verificheremo i risultati sulla base degli impegni presi dai parlamentari”

Logo (4)“Nelle prime ore del mattino del 30 gennaio sulla S.S.106 è avvenuto un pericolosissimo incidente nel comune di Scala Coeli (CS). Per fortuna non ci sono vittime: solo un giovane che ora sarà costretto a dover restare con entrambe le gambe ingessate per qualche mese ed a cui l’Associazione intende augurare una immediata e completa guarigione. Il 29 gennaio, invece, alle ore 12:00 circa, incidente lungo la S.S.106 a Guardavalle (di fronte l’Ufficio Postale), in provincia di Catanzaro. Pieno centro abitato. Per fortuna nessun danno ai conducenti. Alle 16:00, sempre del 29 gennaio, incidente sulla S.S.106 a Calopezzati (CS): coinvolte 4 autovetture e nessun ferito. Alle 17:30 circa, del 29 gennaio invece, incidente sulla S.S.106 nei pressi del bivio nord a Condofuri, in provincia di Reggio Calabria. Nell’impatto sono rimaste coinvolte due Fiat Punto, una di colore bianco e una grigia. Non si segnalano feriti. Il 28 gennaio alle ore 17:00 circa incidente sulla S.S.106  a Corigliano Calabro (Cosenza). 5 feriti di cui nessuno per fortuna grave. Il 26 gennaio alle ore 14:00 brutto incidente sulla S.S.106 tra Badolato e Santa Caterina sullo Ionio nel catanzarese. Sono 4 feriti e tra questi vi è anche una donna incinta, trasferita d’urgenza all’ospedale di Catanzaro. In seguito all’impatto le due vetture, una Nissan Micra ed una Mini Countryman, sono finite fuori dalla carreggiata, una addirittura si è rovesciata su un lato. Il 24 gennaio alle ore 16:00 circa terribile incidente a Villapiana (CS): una famiglia di tre persone gravemente feriti mentre altre 3 persone hanno riportato ferite lievi”, scrive in una nota l’“Associazione basta vittime sulla SS106. “Nel solo mese di gennaio – prosegue- sulla S.S.106 abbiamo avuto purtroppo tre vittime: Eugenio Vadalà di 29 anni, Giuseppe Barone di 18 anni e Francesco Nicola Dati di 29 anni. L’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106″ rende noto che alla richiesta di istituire una Commissione Parlamentare d’Inchiesta sulla S.S.106 formalmente inviata a tutti gli On. parlamentari calabresi Deputati alla Camera non è, ad oggi, pervenuta, alcuna risposta formale. Restano, tuttavia, i comunicati stampa dei deputati del Partito Democratico apparsi in questi giorni su più quotidiani nei quali dichiarano l’impegno assunto con il presidente della Nostra Associazione Ing. Fabio Pugliese “a sostenere la proposta di istituire una Commissione Parlamentare d’Inchiesta sulla S.S.106″. L’Associazione “verificherà certamente quale sarà l’esito di questo impegno non rinunciando ad informare sempre correttamente e bene i cittadini calabresi circa i risultati ottenuti (o meno), per la S.S.106 dalla classe politica parlamentare calabrese”.