Epifania, i festeggiamenti in Italia: da Nord a Sud arrivano befane, re magi e mercatini

Viaggio da nord a sud alla scoperta dei diversi festeggiamenti dell’Epifania nelle località italiane, tra tradizione e cultura

befanaOrmai i festeggiamenti sono giunti al capolinea. Trascorsi la vigilia, il Natale e la notte di Capodanno non resta che aspettare il giorno dell’Epifania per sprangare le porte alle festività natalizie. L’Italia si appresta a celebrare nel migliore dei modi l’avvento di befane e re magi, e così  da Nord a Sud il Bel Paese si adorna di una luce nuova.

La Capitale, come la tradizione vuole, si attornia di mercatini a tema concentrati maggiormente in Piazza Navona. In passato infatti la celebre piazza romana, costruita sui resti dello stadio di Domiziano, vantava un gremito mercato rionale che radunava tutta la cittadinanza. Ma non solo. Il sei gennaio ritorna come di consueto il famoso corteo storico-folcloristico ‘Viva la Befana’, giunto alla  trentunesima edizione. La giornata sarà ricca di eventi: alle 10:20 i re magi , in groppa a tre cammelli,  percorreranno via della Conciliazione per raggiungere piazza San Pietro; non saranno soli, ma verranno accompagnati dai cittadini dei quattro comuni di Maenza, Roccagorga, Sermoneta e Sonnino, in provincia di Latina, unici protagonisti dell’edizione di quest’anno, insieme a milletrecento figuranti in costume, una biga romana, cavalli e fanti. Trepidante attesa anche per la fanfara a cavallo dei carabinieri.Dopo l’Angelus, i tre re magi, come di consueto, porteranno i tradizionali doni emblematici dell’Epifania a Papa Francesco.

Milano il corteo dei re Magi partirà alle 11:30 befanada piazza del Duomo . Non mancherà la fermata a S. Lorenzo. Sui Navigli invece la befana distribuirà dolciumi e regali ai bambini presenti. Anche quest’anno il  Motoclub Ticinese di Milano non manca nell’organizzare  la 48esima edizione della ‘Befana benefica’, evento solidale di portentosa importanza che ha come obiettivo primario quello di  di allietare con doni e affetto gli ospiti del ‘Piccolo Cottolengo Don Orione’ e della ‘Fondazione Sacra Famiglia’. Il raduno è previsto nel cortile interno del Piccolo Cottolengo di don Orione in via Caterina da Forlì, e a seguito della benedizione delle moto e dei partecipanti , il corteo si sposterà in direzione delle vie principali della città.

Verona si accinge a chiudere le festività natalizie con il tradizionale  falò ‘Brusalavecia’ organizzato in piazza Bra alle 17:00. Come da tradizione una cinquantina di auto e moto d’epoca sfileranno in piazza Bra dove all’angolo con via Roma, le attenderà un vigile a cui verranno consegnati dai partecipanti della sfilata dei doni che saranno devoluti in beneficenza. Nel pomeriggio verrà iscenato  il rogo del grande pupazzo della Befana, al termine del quale la sertata verrà allietata da uno spettacolo pirotecnico.

La tradizionale festa del ‘Panevin’ animerà il cuore pulsante di Treviso centro con i suoi 200 falò. I falò saranno accesi simultaneamente in tutto il territorio tra le 19:00 e le 20:30 del 5 gennaio; mentre altri ancora verranno infuocati  in coincidenza con la ricorrenza della storica festa di Sant’Antonio Abate.

L’affascinante Canal Grande a Venezia sarà ancora più attraente. Il seBefana con vinoi gennaio torna più sfavillante che mai la Regata della Befana: decine di uomini, travestiti da befane, si sfideranno nel tratto centrale del Canal Grande da San Tomà fino al Ponte di Rialto; l’arrivo è rappresentato da una calza gigante appesa  sul di Rialto.

Bologna festeggia in Piazza Maggiore alle 15:00 in punto del 6 gennaio  la ‘Befana Europea’.  Lotta alla povertà, l’inclusione sociale, il rispetto per la natura, costituiranno i temi principali della manifestazione. La befana oltre che distribuire dolci e regali, tra cui piccole confezioni di miele, prodotto naturale per eccellenza grazie al lavoro delle api e ‘termometro’ del benessere di ambiente ed agricoltura, donerà una filastrocca europea per insegnare a rispettare gli altri.

Faenza si celebra invece la  ‘Nott de Bisò’, l’atto conclusivo del Palio estivo del Niballo. Il Niballo, un simpatico fantoccio dalle sembianze di Annibale e simbolo di tutte le avversità , fa il suo ingresso in piazza del Popolo a bordo di un carro trainato da buoi per venire poi bruciato  insieme alle sventure dell’anno passato.

Parma i festeggiamenti inizieranno domani per poi concludersi il sei gennaio. A Fornovo Taro, in provincia di Parma, prenderà inizio il sesto Raduno nazionale delle befane e dei befani. Le strade della città pulluleranno di mercatini e deliziosi negozietti.

Fonte MeteoWeb