Domenica di caldo pazzesco in tutt’Italia: forti venti di garbino, picchi di +20°C. La situazione LIVE

Caldo assurdo in tutt’Italia: picchi di +20°C al Sud e nelle Regioni Adriatiche. Nei primi due giorni di febbraio temperature in ulteriore aumento: sarà il picco dell’anticiclone

CaldoCome previsto nelle scorse ore, è una domenica di caldo e forti venti in gran parte d’Italia. Le temperature sono superiori alle medie del periodo in tutto il Paese nell’ultimo dei tre “Giorni della Merla” quest’anno mascherati di primavera. I venti di libeccio sono molto sostenuti soprattutto nella dorsale Appenninica, tra Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Molise, Puglia e Basilicata. I dati disponibili arrivano dall’Emilia Romagna e testimoniano raffiche fino a quasi 140km/h, ma nelle prossime ore avremo quelli di Marche, Abruzzo, Molise e Puglia dove il vento è altrettanto forte.

Queste le raffiche più significative in Emilia Romagna135km/h al Passo della Croce Arcana,125km/h a Poggio Santa Cristina, 122km/h al Monte Gomito, 119km/h a Sestola e Cedogno,117km/h a Saludecio, 106km/h a Belfrote e Monte Romano, 100km/h a Fellicarolo e Febbio, 95km/halla Madonna dei Fornelli, 89km/h a Meldola,65km/h a Santarcangelo di Romagna, 64km/h a Rimini e Gabicce, 60km/h a Bellaria, 59km/h a Faenza, 56km/h a Cesenatico, 45km/h a Cesena,34km/h a Ravenna.

Le temperature sono molto elevate proprio nelle RegionCALDO1i del medio Adriatico, tra Romagna, Marche, Abruzzo e Molise, dove questo vento che “cade” dall’Appennino provoca condizioni di favonio, conosciuto nella zona come “garbino”, facendo impennare verso l’alto la colonnina di mercurio. Abbiamo infatti +19°C a Pescara, Ancona, Chieti, Bellaria, Jesi e Santarcangelo di Romagna, +18°C a Ravenna, Cesena, Rimini, Pesaro, Cesenatico, Termoli, Forlì, Cervia, Faenza e Vasto, +17°C a Macerata, Imola, Predappio, Fano e Fermo.

Ma è una domenica molto calda in tutt’Italia. Temperature impressionanti al Nord, in pianura Padana (soprattutto al nord/ovest) e nelle valli alpine. Caldo anche in Liguria e nelle Regioni tirreniche, nonostante il vento occidentale provenga dal mar Tirreno addensando molte nubi per lo “stau” soprattutto in Toscana e Lazio. Abbiamo +18°C a Piombino, +17°C a Grosseto, +16°C a Genova,+15°C a Roma, +14°C a Pisa e Savona, +13°C a Torino, Brescia, Bergamo, Verbania e Sondrio,+12°C a Torino, Bologna, Trieste, Como, Rovereto, Monza e Biella, +10°C a Udine e Aosta. Persistono banchi di nebbia in alcune zone di Lombardia, Emilia Romagna e Veneto ma nonostante l’assenza di soleggiamento, anche nelle località più fredde la colonnina di mercurio è comunque tra i +8°C di Modena e Padova e i +9°C di Venezia e Padova.

Le immagini che arrivano da Como, Verbania, Omegna e Pallanza, scattate stamattina, sono eloquenti: Alpi senza neve persino nelle vette più alte, tiepido sole e acqua calma e cristallina nei grandi laghi alpini. Sembra maggio inoltrato da tutti i punti di vista, e il livello delle acque di laghi e fiumi è ai minimi storici a causa della gravissima siccità che sta interessando tutto il Nord e soprattutto il Nord/Ovest (a Torino sono caduti 10mm di pioggia negli ultimi tre mesi abbondanti). La situazione si aggraverà ulteriormente a febbraio: non sono previste piogge particolarmente rilevanti, anzi continuerà ancora a lungo il periodo siccitoso.

La situazione non è molto differente al Sud. Le temperature sono Caldomolto elevate, il clima è soleggiato quasi ovunque, con velature diffuse e qualche nube più compatta soltanto nella Calabria tirrenica costiera centro/settentrionale. Le temperature sono decisamente elevate ovunque, soprattutto in Sicilia con +20°C a Lentini, +19°C a Catania, +18°C a Siracusa, +17°C a Palermo, Bari, Taranto, Cagliari, Trapani, Licata, Gela e Modica,+16°C a Cosenza, Crotone, Olbia, Iglesias e Marsala, +15°C a Napoli, Messina, Reggio Calabria, Lecce, Foggia, Caserta, Oristano, Carbonia e Brindisi.

Nei prossimi giorni farà ancora più caldo: tra domani, lunedì 1 febbraio, e dopodomani, martedì 2, l’anticiclone raggiungerà il suo apice sull’Italia con temperature in ulteriore aumento, fino a +22/+23°C diffusi in molte località del Paese, e picchi di +25°Cal Centro/Sud. Attenzione al nord/ovest, dove domani farà caldissimo con picchi di oltre+16/+17°C in pianura Padana e zero termico ad oltre 4.000 metri di quota sulle Alpi. Si potrà passeggiare nei boschi ad alta quota in maniche corte. Si aggraverà ulteriormente l’emergenza smog in città, le criticità dovute alla siccità al Nord e le anomalie climatiche per il caldo pazzesco in tutta l’area Euro-Mediterranea.