Cosenza, terrorismo: arrestato un foreign fighter marocchino

Il marocchino “foreign fighter” è indagato per i reati previsti dalla nuova legge antiterrorismo in vigore da aprile 2015

digosGli uomini della Digos di Cosenza stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di un “foreign fighter” marocchino. Si tratta di un commerciante ambulante di 25 anni residente a Luzzi, in provincia di Cosenza, con permesso di soggiorno: gli uomini della Polizia indagavano sul giovane dal luglio scorso, e lo hanno bloccato all’alba. Il marocchino è indagato per i reati previsti dalla nuova legge antiterrorismo in vigore da aprile 2015: in particolare gli viene contestato l’articolo 270 quinquies del codice penale, addestramento ad attività con finalità di terrorismo anche internazionale.

L’uomo era arrivato in Turchia lo scorso 10 luglio, dove è stato fermato dalle autorità per un controllo. Al termine degli accertamenti, le autorità turche, d’intesa con gli uomini dell’Antiterrorismo italiano, lo hanno respinto per motivi di “sicurezza pubblica” e lo hanno fatto rientrare in Italia. Era pronto a raggiungere gli scenari di guerra: è quanto emerge dalle indagini compiute dalla polizia e dalla Dda di Catanzaro. ”Sono andato in Turchia solamente per pregare,” ha detto il marocchino Hamil Mehdi ai poliziotti di Cosenza al momento dell’arresto “Mi avevano già contestato di appartenere all’Isis ma io ho sempre negato. Ed anche ora ribadisco che non appartengo all’Isis. Sono andato in Turchia solamente per pregare“.