Cinquefrondi (Rc), Longo: “non rimanga una proposta senza seguito l’appello alla sicurezza stradale relativo alla Sp5

sp-5-km-19“Non rimanga una proposta senza seguito l’appello alla sicurezza stradale relativo alla Sp5 lanciato dagli Amici del Lupo che in modo serio e dettagliato hanno evidenziato una serie di accorgimenti tecnici indispensabili nel tratto che collega i comuni di Cinquefrondi, Melicucco e Polistena.  Non è la prima volta che vengono evidenziati problemi alla viabilità interna della nostra provincia come l’annosa criticità rimasta ancora irrisolta di via Fortunato Seminara che collega l’uscita dalla Sgc Ionio Tirreno con il Comune di Polistena e l’ospedale Santa Maria degli Ungheresi nonostante l’ente provincia sia stato ripetutamente condannato per i tanti sinistri incorsi agli utenti che la percorrono”, scrive in una nota il consigliere provinciale e vice sindaco di Cinquefrondi Giuseppe Longo. “È giunto il momento -prosegue- di intervenire in modo definitivo e risolutivo come bene hanno chiesto anche i sindaci di Cinquefrondi e Polistena prima di trovarci costretti a registrare un incidente mortale.  Nessuno chiede opere irrealizzabili ma credo che la messa in sicurezza della prima rotatoria all’uscita della Sgc prevedendo una adeguata illuminazione attualmente inesistente e la realizzazione di un’altra all’intersezione che immette sulla provinciale che collega i comuni di Polistena e Melicucco siano fondamentali prima che la Provincia lasci l’eredità alla città metropolitana sulla quale nutro forti dubbi di attenzione ai nostri territori.  Attendiamo – aggiunge- pertanto riscontri immediati sia sulla Sp5 relativamente alle strade oggetto di discussione che versano in condizioni di grave pericolosità e sia sulla via Fortunato Seminara che la Provincia non può più ignorare scaricando responsabilità su altri enti preso atto delle varie sentenze di condanna subite in questi anni.  Le condizioni per intervenire ci sono e sono certo che il presidente Raffa di concerto con il settore viabilità sapranno trovare la soluzione adeguata alle sollecitazioni provenienti da associazioni e comuni per garantire sicurezza stradale e serenità ai cittadini della Piana”, conclude