Basket, Viola e Barcellona in fondo all’A2: incubo retrocessione per le due nobili del Sud

Stagione deludente nel campionato di basket di A2 per Barcellona e Viola, l’obiettivo massimo è diventato la salvezza senza passare dai playout, impresa difficile soprattutto per la squadra siciliana

viola 6Partite con ambizioni di promozione, due squadre del Sud, Viola e Barcellona che affrontano il campionato di A2 di basket, annaspano nelle zone basse della classifica e rischiano seriamente di dover salutare la categoria. Campagna acquisti di spessore per la squadra neroarancio che, almeno sulla carta, avrebbe dovuto lottare per i primi quattro posti della classifica e conquistare con assoluta tranquillità la qualificazione playoff. Ma così non è stato e dopo un inizio incoraggiante la squadra di Benedetto si è sciolta, mancando soprattutto di personalità, aspetto fondamentale in un campionato come quello di A2. Tanti giocatori hanno deluso le aspettative, due su tutti: Marco Mordente e Valerio Spinelli. Il primo non è risultato mai decisivo, la decisione della società di escluderlo dal roster sembra giusta ma è altrettanto necessario reperire sul mercato un sostituto.

viola 6Il playmaker invece non sembra avere più il ritmo per affrontare un campionato come quello di A2, Spinelli si sta alternando con il giovane Costa ed i risultati sono deludenti. Hanno dimostrato, nell’ultimo match contro Rieti, evidenti limiti Brackins e Freeman che non si sono integrati con il gioco di coach Benedetto, discorso opposto per Dobbins, acquisto azzeccato e che potrebbe risultare decisivo per il proseguo del campionato. Nota positiva anche Rullo, bene anche Lupusor, così come Crosariol che ha mantenuto le premesse e si è dimostrato un uomo imprescindibile per i neroarancio. Gli ultimi match potrebbero avere chiarito le idee alla dirigenza, servono almeno due innesti per cercare di risollevare una stagione deludente, necessario l’arrivo di un playmaker, così come un sostituto di Mordente. Saranno fatte delle valutazioni anche su Freeman e Brackins ma difficile aspettarsi, almeno per il momento, una rivoluzione.

violaNon se la passa meglio Barcellona che deve fare i conti con problemi economici e con l’ultimo posto in classifica, l’inizio di stagione è stato deludente ed il distacco dalla zona salvezza è preoccupante. Anche nello scontro salvezza contro la  Viola, Barcellona non è sembrata mai in partita, segno che la salvezza sembra una chimera.  Nelle ultime stagioni il club siciliano è stato protagonista di ottimi campionati, così come la Viola che ha raggiunto l’obiettivo con tranquillità. Quella che poteva essere la stagione della consacrazione per i due club si sta trasformando in un incubo con il rischio retrocessione sempre vivo. L’obiettivo stabilito ad inizio stagione ormai non potrà più essere raggiunto, a questo punto si proverà a salvare la stagione e raggiungere una salvezza che è diventata l’obiettivo massimo. Ma servono decisioni forti, da subito. Poi non potranno essere commessi gli stessi errori, sarebbe un delitto per due piazze prestigiose come Barcellona e Reggio Calabria.