Siderno (Rc): domani appuntamento con “I Sentieri della Memoria”

I Sentieri della MemoriaEmigrazione, memoria e valore del recupero, saranno questi i temi dominanti dell’incontro in programma per domani martedì 29 dicembre alle 17:00 presso i locali di Palazzo Falleti a Siderno superiore, un pomeriggio tra note, immagini e musiche dedicate ad un tema dal forte significato evocativo e dai profondi risvolti sociali. Il programma della serata, dal titolo “I Sentieri della Memoria, idee e proposte per il recupero del patrimonio culturale e turistico calabrese attraverso il rafforzamento dei rapporti tra la Calabria e gli emigranti”, promosso dall’Amministrazione Provinciale e dall’associazione culturale Associazione Vacational con la collaborazione dell’Amministrazione comunale di Siderno e del comitato piazza dell’Emigrante di Donisi, prevede una breve apertura istituzionale di presentazione con l’inaugurazione di una mostra video-fotografica a cura del Fotografo Franco Maricchiolo. A seguire, il concerto dei “Musicofilìa” e un intervento del sociologo della musica Fulvio D’Ascola sui temi della sociologia musicale e dell’emigrazione. La serata si concluderà sulle note e le parole di Gianni Favasuli con “Cuntu e Cantu”, una raccolta dei migliori testi e delle più belle canzoni del cantautore calabrese dedicate al tema dell’emigrazione. L’iniziativa, tappa importante del percorso culturale “I Sentieri della Memoria”, sarà l’occasione per rilanciare il tema dell’emigrazione e la necessità di legare i nostri conterranei affermatisi fuori dalla Calabria attraverso iniziative concrete che non possono prescindere dall’aspetto legislativo regionale e dall’attivazione di tutti i comuni calabresi in tal senso. All’interno della serata è previsto, fra i partecipanti, il sorteggio a titolo gratuito di uno strumento musicale tradizionale della cultura Calabrese interamente realizzato dal liutaio reggino Siviglia. Saranno inoltre conferiti dei riconoscimenti speciali ad alcune importanti personalità che si sono distinte come calabresi nel mondo.