Serie D, che colpi per Siracusa e Cavese: le due corazzate del girone I si rinforzano per la Lega Pro

Serie D, Siracusa e Cavese attivissime sul mercato: tanti acquisti tra gli svincolati per centrare la promozione in Lega Pro

siracusa caveseMentre la Reggina è tornata ad allenarsi riprendendo la preparazione in vista del ritorno in campo nel giorno dell’Epifania al Granillo contro l’Aversa Normanna, e più che altro ha il problema del manto erboso dello Stadio Granillo, le big del girone I della serie D si stanno ulteriormente rinforzando sul mercato per contendersi nel modo migliore possibile la promozione in Lega Pro. E non badano a spese. Stanno facendo un ottimo lavoro il Siracusa e la Cavese, destinate a contendersi fino all’ultima giornata la promozione diretta nel calcio professionistico e poi, quella che non dovesse riuscirci, a vincere i playoff e sperare nel ripescaggio (?) se ci sarà. A meno di clamorose sorprese che il calcio può sempre regalare.

SIracusa 03La regina del mercato invernale è certamente il Siracusa che dopo essersi assicurata i talentuosi Mattia Gallon, Riccardo D’Alessandro e Nicola Arena, negli ultimi giorni ha acquistato altri 4 calciatori, due under e due esperti. Si tratta dell’ex Reggina Pietro Dentice, vincitore del campionato lo scorso anno con l’Akragas Agrigento e ai margini del progetto tecnico di Ciccio Cozza nella prima parte di stagione, e il forte difensore classe ’97 del Genoa Amedeo Marghi, che arriva in prestito dalla serie A. Due rinforzi esperti in attacco, calciatori con grande esperienza in Lega Pro: Giuseppe SavanarolaGiovanni Ricciardo. E non è finita. A gennaio arriverà anche un centrocampista, probabilmente under.

caveseLa Cavese dopo essersi assicurata Proia e Ricciardi, ieri ha messo a segno un altro grande colpo per rispondere ai siciliani: si tratta dell’esperto bomber Umberto Improta, 31 anni, l’anno scorso 5 gol in Lega Pro con la Vigor Lamezia, quest’anno a Taranto nel girone d’andata. Improta in carriera ha giocato (e segnato) persino in serie B con la maglia della Salernitana, poi 12 stagioni consecutive in serie C sempre tra i professionisti, sempre con tanti gol: 8 con il Bellaria Igea Marina, 4 con il Ravenna, 1 con l’Alto Adige Sudtirol, 7 con il Giulianova, 9 con la Virtus Lanciano, 23 con il L’Aquila, 7 con l’Arzanese e 5 con la Vigor Lamezia.

L’impressione è che Cavese e Siracusa siano entrambe pronte al salto di categoria a livello di investimenti societari, strutture, entusiasmo, pubblico e ambiente. A Siracusa proprio nella settimana di Natale sono iniziati i lavori di ammodernamento dello stadio De Simone. Sull’utilità dei playoff e gli eventuali ripescaggi in Lega Pro c’è molta confusione, la FIGC ha ordinato il blocco dei ripescaggi con apposita delibera mentre il nuovo presidente di Lega Gravina parla di ritorno a 60 squadre (oggi sono 54). Ammesso (e non concesso, perchè la FIGC è certamente più decisiva sulla Lega rispetto alle decisioni degli organici dei campionati) che si torni a 60 squadre, dovrebbero essere ripescati 6 club mentre i playoff di serie D con il regolamento approvato di recente, prevederanno 9 vincitrici (una per girone). Come si farà quindi a scegliere? E perchè ripescare le vincitrici dei playoff di serie D, e non le retrocesse dai playout di Lega Pro? Si prospetta un’altra calda estate per il calcio italiano, ecco perchè sia Cavese che Siracusa vogliono evitare questi patemi e conquistare la promozione diretta regalando al loro pubblico un successo storico.