Sciame sismico sull’Etna, INGV: 46 scosse, fratture nel manto stradale

Etna in eruzione, sciame sismico nel medio-alto versante nordorientale del vulcano

Sciame sismico EtnaL’Osservatorio Etneo (INGV-OE) dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha reso noto che questa mattina le stazioni della Rete Sismica hanno registrato uno sciame sismico nel medio-alto versante nordorientale dell’Etna. Dall’inizio della giornata sino alle ore 12:45 locali, sono state registrate 46 scosse sismiche, la maggior parte di queste avvertibili solo a livello strumentale. Gli eventi principali si sono verificati alle 10:28 (magnitudo 3.8), alle 10:32 (2.9), alle 10:36 (2.4) e alle 11:53 (3.2), localizzati nella zona compresa tra Piano Provenzana e Piano Pernicana a una profondità di circa 2-4 km dalla superficie topografica. In coincidenza con lo sciame sismico, sono state segnalati episodi di fratturazione, con aperture di circa 2-4 cm, che hanno interessato il manto stradale della Mareneve, al di sopra di quota 1450 m sul livello del mare. Contemporaneamente, nella giornata di oggi, sono state registrate anche due scosse sismiche nell’area di Solicchiata (basso versante settentrionale del vulcano) alle ore 00.21 (2.6) e alle ore 10.36 (2.4) con profondità comprese tra i 7 e i 14 km. I ricercatori dell’INGV-OE sono all’opera per caratterizzare il fenomeno, mediante l’analisi della sismicità e delle deformazioni lente del suolo; la sala operativa continua a monitorare l’evolversi della situazione, aggiornando tempestivamente il Dipartimento della Protezione Civile e le locali strutture di protezione civile.

Fonte MeteoWeb