Rugby, ancora risultati positivi per il C.A.S. di Reggio

Squadra u.18 ultimaAl campo San Cristoforo di Reggio Calabria, giornata positiva per le squadre del presidente Aldo Rositano. Alle 09,30 la under 16 allenata da Pietro Tripodi batte la capolista Aquile del Tirreno di Milazzo con il risultato di 17 – 12. Partita molto combattuta tra le due formazioni più forti di questo girone. L’obiettivo dei reggini era quello di vincere realizzando almeno quattro mete che avrebbero consentito l’acquisizione di un’ulteriore punto bonus. La formazione siciliana, giunta a Reggio per ripetere il risultato positivo dell’andata ha trovato difficoltà per imporre il proprio gioco. La formazione di Tripodi non ha dato spazio agli avversari che hanno subito il gioco dei padroni di casa. Dopo vari cambi di fronte, è la squadra reggina che si porta in meta (non trasformata) con Pedulla’ e si va sul 5 -0. Ancora il C.A.S. in attacco e con i trequarti realizza la seconda meta con Seegoolam che sfugge alla difesa avversaria e schiaccia il pallone tra i pali, meta non trasformata e 10 a 0 per i padroni di casa. A questo punto Le Aquile hanno una reazione e con il loro giocatore più rappresentativo realizzano una meta che trasformano e accorciano le distanze portandosi sul 10 – 7. La partita si riapre ma i padroni di casa violano ancora l’area avversaria con Arabesco che di prepotenza supera la difesa e si tuffa in meta. La trasformazione di Kurczynski porta il risultato sul 17 a 7. La partita sembra ormai finita, ma gli ultimi minuti sono fatali per la squadra locale che subisce la seconda meta non trasformata e la partita finisce con il punteggio di 17 a 12 per il C.A.S. Reggio. Hanno giocato per il C.A.S.: Falduto, Kurcczynski, Logiudice, Seegoolam, Pellegrino, Javillonar, Longo, Pogsinohim, Festa, Arabesco, Tigani, Karel, Ramondini, Pedullà, Marra, Tripodi, Morabito, Gambacorta, Valerioti, De Girolamo. All. Pietro Tripodi.

Alle ore 11,00 scende in campo la under 18 del C.A.S. per affrontare i pari età dell’Amatori Catania, nella partita di andata i reggini avevano battuto la formazione etnea che occupa il secondo posto in classifica. Una partita molto dura sul piano fisico e tecnicamente bella. Entrambe le squadre hanno dato il massimo per riuscire a conquistare punti e muovere la classifica. Sono i siciliani ad andare in meta per primi (non trasformata) e portarsi in vantaggio per 5 a 0, ma sui risvolti di un’azione di attacco dei trequarti reggini, è Angheloni che si insinua tra la difesa e la supera schiacciando il pallone in meta, segue la trasformazione di Stillitano e si va sul 7 a 5 per i ragazzi di Mr Poma. I catanesi non ci stanno, la partita diventa nervosa e in alcuni momenti si intravedono anche delle scorrettezze che portano ad un inizio di rissa sedata dai dirigenti di entrambe le squadre. C’è molto equilibrio in campo con continui cambi di fronte ed è in una fase di attacco degli etnei che scaturisce la seconda meta per gli ospiti, non trasformata, che porta il punteggio sul 10 a 7 per l’Amatori. Esce Lamberti per infortunio e il tecnico Poma cambia qualcosa nella formazione, si tenta in tutti i modi di ribaltare il risultato ma i siciliani difendono con i denti il risultato, ad un certo punto l’arbitro fischia una punizione a favore dei reggini, Stillitano piazza l’ovale e centra i pali portando il risultato in parità sul 10 a 10. Ancora cinque minuti di gioco ma la partita finisce con questo risultato e forse è stato giusto così. Una partita bellissima giocata da due squadre con una grande tradizione rugbistica che hanno entusiasmato il pubblico con delle belle giocate e tanto agonismo.

Hanno giocato per il C.A.S Reggio: Errahouly, Chirico, Stillitano, Riso, Colelli, Angheloni, Macheda, Ignat, Parisi, Mangiola, Falduto, Saneblidze, Frezza, Lamberti, Stilo, Sgro, Fettah, Retez, Martino, Scutella’. All. Rosario Poma