Reggio, il circolo velico partecipa alla Euromed di Malta dal 19 al 21 dicembre

barca a velaIl 2015 è iniziato con una intensa attività sportiva del Circolo Velico Reggio, senza pause, scommettendo sul nuovo coach il croato Denis Finderle già tecnico dello Istria Club dove ha conseguito risultati eclatanti. Già nel mese di maggio il Circolo si era presentato alla cittadinanza con una manifestazione culturale dal sapore di un premio letterario , la prima edizione del “ Gran Galà della Vela”, in cui sono state premiate oltre a figure istituzionali del mondo della scuola che avevano organizzato il programma nazionale “La Vela a Scuola”con il MIUR, la scrittrice Rosa Macrì per l’opera “ Da che parte sta il mare”, l’assessore allo Sport degli anni 80 Lello Campisi per aver proposto al Circolo il subentro nello storico stabilimento balneare “Musolino”, il maestro orafo Gerardo Sacco per aver realizzato il Trofeo della Coppa Calabria Basilicata. Il Gran Galà nel 2016 si replicherà, visto lo straordinario successo della prima edizione. L’attività del Circolo si è riproposta nel mese di giugno con il tradizionale Open Day aprendo le porte dell’impianto sportivo e offrendo alla città il consueto benvenuto nei locali sociali e un invito a partecipare alla scuola vela che dal 1982 ha visto aderire più di un migliaio di allievi. Solo da qualche giorno si è spento l’eco della 31° edizione della Mediterranean Cup , un successo straordinario al di là delle più rosee previsioni, una formula nuova e interessante, legata ad un binomio inscindibile Reggio e il suo Circolo. I giovanissimi della squadra agonistica dell’OPTIMIST sono ora pronti con le valigie, timone e deriva in mano a partecipare alla regata internazionale “ EUROMED” che si disputa a Malta dal 19 al 21 Dicembre. La squadra agonistica bianco amaranto è costituita da Antonio Adornato, Giulia Brancati, Morgana Manti, Gigi e Diego Del Giglio, iscritti alla speciale categoria degli esordienti e guidati dal coach Denis Finderle e dal Presidente Carlo Colella. Lo sport della vela è primario per lo Stato Maltese che vivono il mare come confine, storia, cultura e sentono la necessità di allargare i confini e stabilire con i paesi che vivono nel Mediterraneo rapporti di amicizia e scambio di esperienze culturali e sportive.