Reggio, Castorina: “in 11 mesi differenziata quadruplicata”

Raccolta differenziata 3“Da gennaio a novembre la nostra città è passata, in soli undici mesi, dal 7% al 28% di raccolta differenziata. Come abbiamo più volte ribadito i cittadini non pagheranno un euro in più sulla Tari grazie alla nuova gestione virtuosa che ci ha consentito risultati fino ad inizio anno inimmaginabili. Partendo da una condizione di assoluta emergenza, siamo riusciti perfino a risparmiare, già dall’anno in corso, evitando il pagamento dell’ecotassa regionale di 17 euro per tonnellata conferita, grazie al nuovo virtuoso circuito attivato per il trattamento dei rifiuti che non vengono più conferiti tal quale. Questi sono fatti. Percepibili, concreti, evidenti sotto gli occhi di tutti. Qualsiasi altra interpretazione non fa che alimentare uno scontro puramente ideologico, che non appartiene al metodo di governo che l’Amministrazione Falcomatà ha inaugurato”. E’ quanto dichiara il capogruppo del Partito Democratico a Palazzo San Giorgio Antonino Castorina rispondendo alle affermazioni allarmistiche e fuorvianti sollevate da alcuni esponenti del Movimento 5 Stelle.

Disinformazione, populismo, fumo negli occhi dei cittadini. Grillo è arrivato perfino a pubblicare una foto vecchia di due anni, che ritrae Reggio coperta di rifiuti, danneggiando l’immagine della nostra città. Una sola parola: inaccettabile. Reggio per quest’anno ha abbondantemente superato la soglia di raccolta differenziata prevista - aggiunge il capogruppo Pd – ed i cittadini non pagheranno alcuna penale. Lo abbiamo affermato pubblicamente. E non solo. Ci avviamo rapidamente a raggiungere soglie ben più ambiziose che ci proiettano tra le esperienze più virtuose di tutta la Calabria. Gli unici a non essersene accorti sono gli sparuti attivisti (?) grillini. Le cinque stelle reggine, evidentemente offuscate da una pesantissima coltre di nuvole, questa volta hanno preso un’enorme cantonata. E non avendo neanche un rappresentante eletto in Consiglio comunale, visti i loro consensi a percentuali da prefisso telefonico, sono costretti a farsi tirare la giacchetta da personaggi che Reggio la conoscono solo in cartolina”.

“La nostra città è citata da tutti gli osservatori come un esempio virtuoso, soprattutto per la gestione del circuito dei rifiuti. E la principale soddisfazione è che il gradimento maggiore arriva proprio dai cittadini, che sono i reali protagonisti del cambio di rotta culturale che abbiamo generato. Una vera e propria rivoluzione, che ha già ottenuto risultati importantissimi, raggiunti grazie all’alto senso civico dimostrato dai reggini. Non saranno certo i pruriti del grillo di turno - conclude Castorina - al quale consigliamo più attenzione nelle sue analisi, ad invertire il processo virtuoso che abbiamo attivato”.