Ospedale Locri, Fuda: “solo chiacchiere dal governo: per la sanità dobbiamo tornare a manifestare”

Locri-SidernoL’Amministrazione Comunale di Siderno, nella persona del sindaco Pietro Fuda, ha partecipato con piacere alla conferenza stampa congiunta di questa mattina, che ha voluto sottolineare l’indignazione generata dall’immobilismo di regione e governo dopo la manifestazione popolare di 10.000 persone dello scorso 17 ottobre. Come sottolineato dal sindaco, infatti, è inaccettabile che l’ospedale spoke della Locride continui a versare in uno stato di palese e totale illegalità e che la manifestazione di tre mesi abbia prodotto esclusivamente chiacchiere. Come segnalato questa mattina dal primo cittadino di Siderno, la soluzione logica pare essere una nuova mobilitazione popolare, più forte di quella di ottobre. “Questa volta – ha affermato Fuda – Dobbiamo creare un disagio! Non possiamo bloccare la ferrovia perché non passano treni, ma vanno bloccate le strade! Va bloccata la 106, la variante, la Jonio Tirreno. Dobbiamo far capire al governo che i sindaci della Locride sono anch’essi parte dello Stato e non dei criminali ed esigono che i loro cittadini abbiano gli stessi diritti degli altri”.