Messina, Rizzo: “su precari e masterplan amministrazione in totale confusione”

Incontro stamani tra i consiglieri comunali dell’Udc di Messina e il parlamentare nazionale Gianpiero D’Alia. Nel corso della riunione, per il tradizionale scambio di auguri natalizi, si è anche discusso della situazione politica e amministrativa del Comune

 palazzo zancaSi è svolto questa mattina un incontro tra i consiglieri comunali dell’Udc di Messina e il parlamentare nazionale Gianpiero D’Alia. Nel corso della riunione, per il tradizionale scambio di auguri natalizi, si è anche discusso della situazione politica e amministrativa del Comune di Messina. “In particolare - scrive in una nota congiunta il capogruppo a Palazzo Zanca Mario Rizzo - quello che ci preoccupa maggiormente è come l’amministrazione si stia muovendo sui precari e sui progetti del Masterplan per il Sud“. “Sui precari – osserva – è necessario garantire a tutti pari diritti, poiché una volta stabilizzati sono a pieno titolo dipendenti comunali. Invece la logica che si sta seguendo va in tutt’altra direzione. Siamo, infatti, dell’idea che vada garantito il futuro occupazionale di questi lavoratori secondo l’orario di servizio completo previsto dal contratto collettivo. Questo obiettivo va raggiunto nell’ambito di un serio programma di riorganizzazione della pianta organica del Comune di Messina che, nei prossimi tre anni, deve puntare  ad essere molto più efficiente di quella attuale”. Anche per il Masterlplan i consiglieri rimangono perplessi  sull’attuale operato di sindaco e assessori: “Da notizie di stampa – prosegue Rizzo – apprendiamo che alcuni progetti per Messina inseriti nel piano, in particolare quelli che riguardano il dissesto idrogeologico e la viabilità provinciale, sarebbero già contenuti nel piano della Regione: se questo venisse confermato ci sarebbe il serio rischio di perdere importanti finanziamenti per la città. A tale proposito chiediamo un’immediata convocazione del Consiglio comunale affinché l’amministrazione spieghi, in maniera   chiara, il percorso che sta seguendo”. “Infine guardando ai fallimentari risultati amministrativi del sindaco e della giunta, l’Udc – conclude il capogruppo -  è convinto che l’esperienza di Accorinti debba essere avviata a conclusione”.