Messina, lavori al Porto: il Riesame revoca le misure cautelari

Il quadro dell’inchiesta non offrirebbe, al momento, indizi di gravità ravvisati dal Gip De Marco

porto crociera messina La revoca delle misure cautelari, emesse a danno dei soggetti coinvolti nell’inchiesta sui lavori ai moli Vespri e Colapesce, è stata accolta dal Tribunale del Riesame, il quale ha smentito il quadro indiziario di gravità evidenziato in precedenza dal Gip De Marco. In tal senso i protagonisti della vicenda – Danilo La Piana, direttore tecnico della Tecnis Spa di Catania; Daniele Naty, responsabile dell’impresa subappaltante Naty; Antonio Giannetto e Vincenzo Silvestro, titolari delle ditte fornitrici di calcestruzzo; Francesco Bosurgi e Fabrizio Arena, supervisori dei lavori per il Genio Civile – possono tirare un sospiro di sollievo. Sui sei grava l’accusa di aver usato cemento impoverito nei lavori d’allargamento delle banchine.