Messina, l’Amministrazione incontra le associazioni del comparto immobiliare: allo studio una strategia per affrontare la crisi

A rappresentare Palazzo Zanca il vice-sindaco, Guido Signorino, e l’assessore al ramo, Sergio De Cola. Le realtà di categoria hanno segnalato, in un documento realizzato ad hoc, le criticità del settore, offrendo i propri suggerimenti per rivitalizzare la filiera del comparto

de cola e signorinoSi è svolto stamani a Palazzo Zanca un incontro tra l’Amministrazione comunale ed alcune Federazioni e Associazioni del Comparto Immobiliare per discutere sulla grave crisi economica che colpisce anche questo settore della nostra città. All’incontro hanno partecipato il vicesindaco, Guido Signorino, l’assessore all’Urbanistica e all’Edilizia Privata, Sergio De Cola, e i rappresentati della FIAIP Messina (Federazione Italiana Agenti Immobiliari Professionali), FIMAA (Federazione Italiana Mediatori Agenti d’Affari), Confedilizia, Confindustria Messina e ANCE Messina, i quali hanno segnalato alcune criticità e manifestato la volontà di proporre soluzioni e collaborare nell’ottica di una sinergia tra Comune e Associazioni rappresentative di categoria. E’ stato consegnato un documento nel quale sono evidenziati dei suggerimenti volti a rivitalizzare la filiera del comparto immobiliare, tra cui l’utilizzo della leva fiscale per indirizzare i cittadini ad azioni e comportamenti virtuosi, capaci di produrre una positiva ricaduta nelle attività lavorative, e penalizzando al contrario comportamenti censurabili i cui risultati ultimi sono il rallentamento delle attività produttive, disagi diffusi per tutta la cittadinanza ed in definitiva una scarsa qualità della vita.

confedilizia messinaNell’ambito delle specifiche competenze è stata inoltre segnalata la necessità di un confronto degli Agenti Immobiliri sul Piano Regolatore per arricchire lo strumento urbanistico con la specifica conoscenza degli operatori del settore sui pregi e le criticità del territorio, le motivazioni e le aspettative dei potenziali acquirenti, le tendenze del settore immobiliare e le conseguenti ricadute economiche positive sia sull’indotto che sull’intero territorio.  E’ stata infine offerta la propria disponibilità a forme di Consulenza gratuita sul patrimonio immobiliare inutilizzato del Comune con l’obbiettivo duplice di vivacizzare il mercato mettendo contemporaneamente a reddito il patrimonio pubblico. L’Amministrazione comunale ha accolto favorevolmente questa collaborazione e convocherà periodicamente ulteriori incontri, come ha dichiarato il vicesindaco Signorino, che durante la riunione ha sottolineato l’importanza di una fattiva collaborazione per la difesa di un terrritorio soggetto a dissesto idrogeologico ed esposto a rischio sismico, con un patrimonio edilizio (e dell’edilizia pubblica in particolare) vetusto.

palazzo_zanca6_quimessinaLe Associazioni presenti hanno anche manifestato notevole apprezzamento per la proposta avanzata dall’Amministrazione comunale per il masterplan che offre una grande opportunità per realizzare la vera ”grande opera” di cui il sistema locale ha necessità: la prevenzione del rischio sismico e idrogeologico, innescando un processo di stimolo e rilancio dell’attività economica che sia diffuso sul territorio della città metropolitana e che trasformi una grave minaccia in grande opportunità produttiva. L’intenzione è di pianificare la messa in sicurezza del patrimonio immobiliare pubblico, anche in collaborazione con l’Università e gli enti per la ricerca scientifica e l’innovazione tale da porre all’avanguardia tecnologica il comparto locale dell’edilizia nel segmento degli interventi di prevenzione antisismica, e in tale ottica anche le associazioni del settore possono dare il proprio contributo.