Messina, la Cisl festeggia l’assunzione dei vigili: salvi in zona Cesarini

Calogero Emanuele plaude all’atto, un primo passo indispensabile per riaprire il tavolo nel 2016 all’insegna degli accordi raggiunti

Calogero Emanuele - Piero AllegraUn «primo passo, raggiunto in “zona Cesarini”, ma non bisogna demordere perché gli impegni vanno mantenuti per intero». Così il segretario della Cisl Funzione Pubblica di Messina definisce la firma del contratto per i primi 90 lavoratori ex precari del Comune, categoria A e B, che passano a “tempo indeterminato” a 16 ore. «Nel rispetto – spiega Emanueledegli accordi raggiunti al tavolo di delegazione. Questo significa che, dal 2016, bisognerà procedere alla ricontrattualizzazione utilizzando le risorse disponibili che, in una prima fase, consentiranno il passaggio a 18 ore».

La Cisl Fp evidenzia come manchi la pubblicazione dei bandi per le categorie C e D per dare esecuzione compiuta all’accordo sulla stabilizzazione e sottolinea come, «per come è stata incardinata in delibera e per come si sarebbe espressa la Commissione di Verifica, la contrattualizzazione in forma stagionale degli Agenti di Polizia Istruttori, comunemente detti 20 + 12, non devono incidere sulla spesa del personale ma sui fondi derivanti dai servizi di Polizia Municipale come previsto dal Codice della strada».

«Il personale ex precario – commenta Emanuele – entra nella famiglia del tempo indeterminato con tutte le prerogative che ne conseguono in termini di utilizzazione in attività che vanno ad incrementare la retribuzione e quindi una piena partecipazione al fondo appositamente previsto. Speravamo in una soluzione migliorativa, ma l’incertezza della vigente normativa nazionale e regionale non ci permette di perdere ogni occasione per mettere in sicurezza questi lavoratori. Un impegno e un obiettivo di tutta la segreteria della Cisl Fp e della Rsu Cisl».