Messina, Genovese? “Muoveva i fili della città come un Mangiafuoco”: Carbone al veleno, ma Francantonio non era un marziano

L’ex sindaco nella bufera dopo il suo passaggio in Forza Italia: il commissario cittadino sputa veleno. Eppure Genovese è stato segretario regionale, non esattamente l’ultimo dei lacchè

Foto Francesco Saya/LaPresse

Foto Francesco Saya/LaPresse

Parole come macigni. Ernesto Carbone, commissario del Pd messinese, non usa mezzi termini per commentare la giravolta di Francantonio Genovese, ex dominus delle primarie, passato armi e bagagli nelle fila di Forza Italia. “Il Pd non è un tram su cui salire o scendere a proprio piacimento” ha osservato Carbone rammentando il dettato del codice etico sottoscritto da tutti i dirigenti. “Non siamo tutti uguali, né i politici e né i partiti. E quel passo indietro, quel restare ai margini in un momento buio, in un momento difficile per tutti, non solo per Genovese, sarebbe stato doveroso – nel più totale garantismo – per non creare alibi e chiacchiere inutili“.

Genovese ha intrapreso un cammino diverso, scoprendo una sinergia politica con la realtà di Miccichè, come vi abbiamo raccontato su queste colonne. Un atto che non è stato digerito da chi, in città, è chiamato a mettere ordine nelle beghe di un partito da tempo avvitato su se stesso.

LaPresse

LaPresse

Da qui alla scomunica il passo è breve: per Genovese, a giudizio di Carbone, “l’importante è poter esserci. Continuare ad esercitare il proprio potere, continuare a muovere i fili di una città che non ha più intenzione di fingersi un burattino nelle mani del proprio Mangiafuoco. Il vuoto lasciato a Messina è molto più che un vuoto politico. È stato un vuoto di idee, di slancio, di rinascita. Una città ripiegata a fatica su stessa. Che adesso però ha ricominciato a camminare. A vigilare. A voler contare. E non più solo tessere”.

Ma è davvero così semplice? Basta davvero così poco per concludere una stagione forse non esaltante, ma di sicure vittorie elettorali? Questo è il punto. Perché Francantonio Genovese, di là dagli accoliti che popolano il Consiglio e che continuano ad avere un’influenza fondamentale negli equilibri di Palazzo Zanca, per il Pd di Messina non è stato una figura marginale, il cui allontanamento può essere salutato con una scrollata di spalle, con parole al vetriolo divulgate a mezzo stampa.

primarie_pd_1911_12Dal Ppi all’Udr di Cossiga, da Castagnetti alla Margherita, Genovese è stato più che un uomo immagine: una vera colonna portante del centro-sinistra cittadino. Primo segretario regionale del Partito Democratico, vinse le primarie con l’85% dei voti, ottenendo uno scranno a Montecitorio in luogo del posto all’Ars. Amministratore e regista della stagione unionista al Comune, nelle primarie del 2012 – soltanto tre anni addietro – con 19.590 preferenze risultò il candidato più votato in tutto lo Stivale.

Renzi, che pure sembra non averlo mai avuto in simpatia, giunse in città e sfilò accanto a lui per sponsorizzare la candidatura di Calabrò. Passaggi significativi nella storia recente, che oggi sembrano distanti anni luce e che Carbone vuole relegare nell’oblio. Servirà, però, uno sforzo maggiore rispetto alle battute di circostanza, perché il Pd orfano della sua guida si scopre adesso come un soggetto a trazione centrifuga, ove molte correnti con pochi voti si muovono in ordine sparso. Non a caso l’ombra di Beppe Picciolo, leader regionale di Sicilia Futura, diventa nelle ultime ore sempre più insidiosa e rischia, con una clamorosa confluenza, di far saltare il banco fra gli attuali cacicchi, supplendo sì in termini di voti, ma rivoluzionando profondamente l’immagine del movimento tanto in città quanto in provincia.

Paolo-David Pd messinaVa rammentato, poi, come Carbone stesso sia rimasto spiazzato dalla svolta di Genovese: non più tardi di due mesi fa, quando impazzava la polemica sulla possibile sfiducia all’Amministrazione cittadina, il commissario definì Zuccarello – promotore della mozione e fondatore di Missione Messina – un personaggio in cerca d’autore, rivendicando la salda alleanza con Accorinti dopo un colloquio con Paolo David, già capogruppo e adesso prossimo all’addio verso le sponde forziste. Se Carbone, per orientarsi fra gli affari interni, ha interloquito soprattutto con i genovesiani di ferro, una ragione doveva pur esserci e qualche parola d’autocritica, in tal senso, non guasterebbe, a meno che non si vogliano puntare le fiches del cambiamento sulla damnatio memorie della collettività.

Intanto anche sul versante opposto si registrano dei dissensi: dopo anni spesi a difendere l’idea del Ponte, Forza Italia si ritrova in balia di chi quel progetto infrastrutturale, forse anche per conflitto d’interessi, lo ha sempre osteggiato. Una situazione curiosa, perché se il Pd è chiamato a ricostruire la propria identità partendo dalle certezze romane, e di là dai tentennamenti peloritani, Berlusconi segue diametralmente il percorso inverso: ripartendo dal territorio il Cavaliere opta per un’unione nella diversità, anche forzata, tutto purché si torni competitivi.