Messina, doping in palestra: 2 condanne e 21 rinvii a giudizio

L’operazione Bratislava al giro di boa: il Gup ha emesso le prime sentenze

Tribunale-di-MessinaMichele De Fanis dovrà scontare 3 anni e 3 mesi di reclusione. Armando Cunzolo 2 anni e 2 mesi. E’ questo il verdetto emesso dal Gup Maria Militello in merito all’operazione Bratislava, imbastita nel 2012 per smascherare un traffico di anabolizzanti nelle palestre di Messina e Villafranca. I due imputati, che avevano scelto l’iter abbreviato, sono andati incontro alla dura sentenza del giudice, mentre altre 21 persone sono state rinviate a giudizio. Unico imputato uscito immacolato dal procedimento è Alessandro Rossello, per cui il Gup ha stabilito che i fatti contestatigli non costituivano reato, scagionandolo completamente. Il traffico dei prodotti dopanti prevedeva un rifornimento quasi al dettaglio di stanazolo, trembolone, metenolone, oxandrolone, nandrolone, boldenone ed insulina. Alcuni farmaci, impossibili da reperire in Italia in seguito ai divieti del Ministero, provenivano dalla Slovacchia: da qui il nome dell’operazione.