Messina, caso Maurolico. Intervengono Codacons e Unc: vogliamo vedere le carte, no alla guerra fra studenti

Le due associazioni chiedono chiarimenti all’ex Provincia Regionale: “vogliamo accertare quanto accaduto a livello amministrativo e di programmazione”

studenti maurolicoLa protesta degli studenti del Maurolico tiene banco a Palazzo dei Leoni e coinvolge anche le associazioni dei consumatori. L’avv. Antonio Cardile, presidente provinciale del Codacons, è voluto intervenire sulla vicenda: “Abbiamo appreso di un atto del 30 novembre scorso impropriamente denominato ‘atto di indirizzo’ con cui si prevedono operazioni di trasloco di aule da Viale Principe Umberto a Corso Cavour. Stante l’importanza della questione, che investe gli interessi di decine e forse centinaia di studenti e delle loro famiglie abbiamo chiesto formalmente di partecipare – come previsto dalla legge – al procedimento amministrativo inerente un trasferimento di classi del Liceo Seguenza di Messina ‘in atto allocate nell’immobile di proprietà dei Padri Rogazionisti in altri locali’”.

foto tratta dai social network

foto tratta dai social network

A giudizio di Mario Intilisano, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori di Messina, anch’essa interessatasi al caso, entrambi i Licei hanno adottato i rispettivi piani dell’offerta formativa che li obbligano a rispettare le discipline e le attività previste ed a realizzazione gli obiettivi generali e specifici dell’azione didattica.

I P.O.F., rammentano all’unisono Cardile ed Intilisano, rientrano nella nozione di Carta dei Servizi al Codice del Consumo ed il loro mancato rispetto potrebbe comportare una lesione dei diritti degli studenti e delle famiglie, quali utenti di un pubblico servizio essenziale, anche in considerazione del fatto che “il rapporto di utenza deve svolgersi nel rispetto di standard di qualità predeterminati e adeguatamente resi pubblici”.

scuola seguenza messinaPer tali ragioni - proseguono i due -  CODACONS ed UNC intendono partecipare al procedimento avviato dalla Provincia (oggi Città Metropolitana) di Messina, accertando quanto finora accaduto a livello amministrativo e di programmazione. Le due associazioni hanno quindi chiesto formalmente -  per garantire la massima trasparenza di una vicenda che coinvolge i diritti e gli interessi di insegnanti, genitori e soprattutto studenti – di avere copia di tutta la corrispondenza intercorsa fra il Liceo Seguenza, il Liceo Maurolico e la Provincia relativa alla problematica, comprese le ricognizione tecniche effettuate in entrambi i Licei cittadini interessati e di fornire chiarimenti circa la disponibilità di altre scuole alla cessione di locali liberi da destinarsi al Seguenza”.

provincia regionale messinaInteressante è anche la richiesta di chiarimenti circa l’utilizzo di molti locali della Provincia (ad esempio quelli in precedenza destinati ad organismi disciolti come i gruppi consiliari, alla Giunta ed al Consiglio Provinciale) ed in genere non utilizzati o sottoutilizzati in tutti gli immobili di proprietà dell’ente.

Confidiamo” -  concludono CODACONS ed UNC – “di avere immediato accesso a tutti i documenti richiesti, che saranno resi subito disponibili a chiunque li richieda. La vicenda deve essere resa pubblica, dibattuta tra studenti, famiglie e docenti e deve ovviamente essere gestita con la massima trasparenza ed corretto esercizio dei poteri connessi alle funzioni svolte dagli organi politici e dai dirigenti. Il diritto al studio e il rispetto della legalità vanno ribaditi e tutelati in ogni sede, senza scatenare ‘guerre tra studenti’ ma cercando soluzioni razionali e condivise, che rilancino una scuola troppo spesso bistrattata dalle istituzioni”.