Messina, alla Città Metropolitana le funzioni di stazione appaltante per il piano operativo dell’Autorità Portuale

Nel pomeriggio odierno la ratifica dell’intesa fra Filippo Romano e Antonino De Simone

provincia regionale messinaIl Commissario Straordinario, dott. Filippo Romano, ed il Presidente dell’Autorità Portuale di Messina, dott. Antonino De Simone, oggi pomeriggio hanno proceduto alla stipula della convenzione quadro per il conferimento alla Città Metropolitana di Messina delle funzioni di stazione appaltante delegata per gli interventi inseriti nel vigente Piano Operativo Triennale dell’Autorità Portuale e per l’assegnazione dei relativi incarichi di progettazione o di direzione dei lavori.

L’apposito disciplinare regolerà i rapporti tra i due Enti ed avrà durata triennale prorogabile con atto scritto tra le parti. L’attivazione della convenzione quadro avverrà mediante il conferimento alla Città Metropolitana di singoli incarichi; Palazzo dei Leoni, entro sette giorni, provvederà ad accettare o rinunciare all’’incarico e, in caso di accoglimento, procederà all’indicazione dei tecnici che svolgeranno le singole prestazioni richieste. L’Autorità Portuale di Messina adotterà un decreto di nomina ed affidamento dell’incarico entro i successivi sette giorni.

filippo romanoL’accordo scaturisce dalle esigenze operative dell’Ente Portuale che, nell’ambito della propria programmazione annuale di interventi, necessita di un complesso di professionalità tecniche ed amministrative che l’attuale organico, ridotto a sole quattro unità e con carichi di lavoro sovradimensionati, non possiede; si tratta di una carenza che potrebbe portare al blocco delle risorse economiche spendibili sulle relative opere.

In tal senso il Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture consente l’affidamento ad altri Enti pubblici qualora le Amministrazioni aggiudicatrici non siano in grado di espletare le attività di redazione del progetto preliminare, definitivo ed esecutivo, nonché lo svolgimento di attività tecnico-amministrative connesse alla progettazione in caso di carenza in organico di personale tecnico, ovvero di difficoltà nel rispetto dei tempi della programmazione dei lavori o di svolgimento delle funzioni di istituto, ovvero in caso di lavori di speciale complessità o di rilevanza architettonica o ambientale o in caso di necessità di predisposizione di progetti integrali che richiedono l’apporto di una pluralità di competenze.

Lo svolgimento delle funzioni delegate esercitate dalla Città Metropolitana è a titolo oneroso con imputazione delle relative spese al finanziamento disponibile per la realizzazione dell’opera mentre l’Autorità Portuale, per il tramite del proprio Ufficio, ne assicurerà direttamente il pagamento.