Messina, 20 sindaci sul banco degli imputati: l’appalto sui rifiuti concesso senza gara

La Regione porta il caso di fronte alla Corte dei Conti. Su 74 Comuni investiti dall’affondo di Crocetta, ben 20 provengono dallo Stretto

rifiuti messinaLa Regione Siciliana ha segnalato alla Corte dei Conti l’illecito compiuto da 74 sindaci siciliani: essi avrebbero affidato l’appalto sulla raccolta dei rifiuti senza l’imbastimento di una regolare gara. Un’azione illegale, per l’appunto, che vedrebbe coinvolti ben venti Comuni della provincia di Messina. Si tratta di Acquedolci, Capri Leone, Castroreale, Furci Siculo, Galati Mamertino, Gioiosa Marea, Malfa, Milazzo, Montalbano Elicona, Naso, Novara di Sicilia, Patti, Reitano, Roccavaldina, Rodì Milici, Santa Lucia del Mela, San Piero Patti, San Salvatore di Fitalia, Santo Stefano di Camastra e San Marco d’Alunzio.