“Media, social e rischi del web”. Successo per l’incontro promosso dall’IC Brancaleone-Africo

I relatori (1)“Media, sociale e fragilità dei minori. I rischi del web”, è stato questo il tema dell’incontro promosso dall’Istituto comprensivo Brancaleone – Africo col patrocinio dell’amministrazione Comunale di Brancaleone e della Locale Pro Loco, tenutosi qualche giorno addietro presso i locali della biblioteca comunale di Brancaleone. All’incontro, moderato dal giornalista Gianfranco Marino hanno preso parte oltre ad Antonella Borrello Dirigente Dell’Istituto Scolastico anche il primo cittadino di Brancaleone Francesco Moio, il Consigliere Provinciale Pierpaolo Zavettieri, Carmine Verduci presidente della Pro Loco di Brancaleone e Padre Angelo Battaglia parroco della cittadina ionica. A confrontarsi con loro e soprattutto con le famiglie degli alunni sui principali rischi del web sono stati nell’occasione l’Ispettore Capo della Polizia Postale Francesca Inuso e l’Assistente Capo Giovanna Cotroneo che hanno posto l’accento sulle principali attività portate avanti dalla Polizia Postale in tema di prevenzione e contrasto dei reati informatici. Adescamenti on line, pedo pornografia, stalking e cyber bullismo i principali temi al centro di una discussione che non ha mancato di suscitare l’interesse di un pubblico attento, partecipe e a tratti preoccupato rispetto ad una realtà di cui spesso si sottovalutano i rischi. Su quali e quanti siano gli atteggiamenti giusti da parte dei genitori e quali soprattutto le azioni da porre in essere per preservare i minori dai rischi si è concentrato l’intervento conclusivo dello Psicologo Sandro Autolitano che ha voluto porre all’attenzione dei presenti i diversi modi di approccio al problema da parte dei genitori, evidenziando la gravità del rischio derivante dalla sottovalutazione del problema. L’essere eccessivamente distratti, l’estraniarsi dal contesto di riferimento, l’eccessiva chiusura al dialogo possono essere secondo Autolitano campanelli d’allarme da non sottovalutare, così come da non sottovalutare è la necessità di porre un freno all’utilizzo indiscriminato dei social imponendo dei paletti e delle limitazioni in termini di tempi di utilizzo. Al termine dei lavori la dirigente Antonella Borrello, nell’esprimere il proprio compiacimento ha annunciato .la prosecuzione degli appuntamenti dedicati agli incontri sui rischi del web da portare avanti con i ragazzi della scuola attraverso la collaborazione con la Polizia Postale.