Mafia, operazione “Panta Rei”: 38 fermi nei clan di Palermo e Bagheria

Vasta operazione antimafia dei carabinieri del Comando provinciale di Palermo, colpiti capi o gregari dei mandamenti mafiosi di Palermo Porta Nuova e Bagheria

carabinieriSono trentotto i fermi emessi dalla Direzione distrettuale antimafia di Palermo ed eseguiti nel capoluogo siciliano, a Roma, Milano e Napoli, nell’ambito di una vasta operazione antimafia dei carabinieri del Comando provinciale di Palermo: colpiti capi o gregari dei mandamenti mafiosi di Palermo Porta Nuova e Bagheria, accusati di associazione mafiosa, estorsione, detenzione e traffico di sostanze, illecita concorrenza con minaccia o violenza e detenzione di armi e munizioni.

Le attività hanno consentito di evidenziare il ruolo ricoperto dalla moglie di un autorevole boss del mandamento mafioso di Palermo Porta-Nuova, rea di aver diretto ogni attività criminale dell’associazione mafiosa secondo le direttive impartite dal marito detenuto, condizionando costantemente le attività illecite anche degli altri affiliati e capi famiglia, in particolare nel settore del traffico degli stupefacenti, nonché gestendo la cassa della consorteria.

CarabinieriTrovato inoltre un vero e proprio ‘libro mastro’ con tanto di nomi, cognomi, cifre e indicazioni. Gli inquirenti definiscono l’elenco trovato e sequestrato “molto interessante” perché potrebbe ampliare ulteriormente l’indagine della Direzione distrettuale antimafia. Sono ventisette gli episodi di estorsione scoperti dai Carabinieri, in sei occasioni la vittima ha denunciato, in venti casi la vittima ha ammesso solo dopo essere stata chiamata dagli investigatori e in un caso la vittima ha negato di avere dovuto pagare il pizzo.

I clan di Palermo Porta Nuova e Bagheria avevano organizzato un fiorente traffico di droga e avevano relizzato un serrato controllo del territorio, condizionando interi settori economici, in particolare quello ittico: ingenti disponibilita’ di denaro, pressioni, intimidazioni che hanno drogato il comparto e colpito la concorrenza, tanto da determinare il fallimento di diverse aziende legali, instaurando un vero e proprio monopolio.

“E’ una operazione importante”, perche’ i mandamenti mafiosi di Palermo Porta Nuova e Bagheria “sono ritenuti centrali nella gestione strategica degli interessi di Cosa nostra palermitana,” ha dichiarato il comandante provinciale dei carabinieri di Palermo, colonnello Giuseppe De Riggi, commentando l’operazione “Panta Rei”.