Lazzaro (Rc), Crea: “forse gli amministratori non sanno che in via Trussardi esiste una condotta idrica”

Perdita Lazzaro (2)“Da oltre tre mesi la via Nicola Trussardi di Lazzaro è permanentemente interessata da una notevole quantità di acqua destinata al consumo umano. Il prezioso liquido di cui non è stato possibile individuarne l’origine della perdita dopo aver percorso per circa duecento metri la precitata via, favorito dalla pendenza stradale giunge a pochi metri da un supermercato. Anche in via della Saetta, davanti all’area dell’ex Macello da oltre una settimana fuoriesce dal manto stradale una notevole quantità di acqua che dopo aver percorso un tratto della succitata strada si riversa nel sottostante alveo fluviale. Non è la prima volta che ciò succede in tale punto”, afferma in una nota Vincenzo Crea, referente unico dell’Ancadic Onlus. ”Per non parlare poi della perdita di acqua che da anni continuamente si registra sotto il ponte stradale di San Vincenzo che sebbene più volte segnalata dalla scrivente associazione, nulla si è fatto. Queste criticità – prosegue- sono sotto gli occhi di tutti, ma nessuno interviene. Forse si sta aspettando che le cose si sistemano da sole. E seppur vero che in questo paese succede di tutto, ancora non si sono registrati eventi soprannaturali da far pensare che si concretizzi tale speranza. Può darsi che qualche miracolo succederà nel mese di maggio del 2017, ma abbiamo forti dubbi, un mese importante durante il quale tra l’altro fioriranno le rose. Sta alla popolazione far sì che questo miracolo avverrà. Per il momento restando sulle cose terrene dobbiamo dire che non sarebbe poi tanto difficile risolvere i problemi in questo paese, basterebbe far pagare al funzionario preposto dell’Ente interessato i danni e i disagi arrecati alla collettività dal mancato adempimento del proprio dovere. Sono convinto che in meno di 24 ore tanti problemi si risolverebbero”, conclude.