Lamezia Terme, parodia della belle epoque al teatro Grandinetti con la commedia “sarto per signora”

commedia “sarto per signora”  (1)Ha riscosso un grande successo la commedia “Sarto per signora” andata in scena al Teatro Grandinetti nell’ambito della rassegna “Vacantiandu – Città di Lamezia Terme”. Sul palco gli scoppiettanti attori della compagnia napoletana “Quelli del Cactus”, guidati dal regista Michele Vitale, che hanno proposto il lavoro teatrale di Georges Feydeau, una commedia da belle époque che ottenne grande successo sul finire dell’Ottocento. “Sarto per signora” è una commedia che racconta del “farfallone” dottor Moulineaux, che per nascondere alla sua bella e giovane mogliettina Yvonne una scappatella con Susanna, moglie del suo paziente, il signor Aubin, affitta un appartamento da un altro suo paziente, il signor Bassinet.  Questo appartamento era l’atelier di una sarta, così Moulineaux, per una serie di equivoci e per salvare la faccia davanti alla moglie e alla inviperita suocera, diventa un famoso sarto per signore. Così, tra clienti pretenziose e vecchie amanti, la vita del dottore diventa sempre più complicata, ma per sua fortuna un finale a sorpresa gli dà la possibilità di chiarire tutto e di riconciliarsi con la moglie. Un susseguirsi di intrecci amorosi e malintesi, tipici delle commedie di George Feydeau, unitamente a personaggi caratteristici ed esilaranti, fanno della commedia “Sarto per signora” uno spettacolo brillante, che ha offerto al pubblico due ore di svago e divertimento. La commedia è stata la prima della serie dedicata agli spettacoli “comici” del nuovo cartellone di “Vacantiandu”, allestito dai direttori artistici Nicola Morelli, Walter Vasta e Sasà Palumbo, che quest’anno si è fatto “in quattro”, prevedendo spettacoli di prosa, vernacolo calabrese, comico ed eventi solidali.