La Smart sequestrata alle organizzazioni criminali diventa un mezzo della Polizia [FOTO]

LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

Stamattina a Brescia presso Piazza Loggia è stata presentata una Smart con i colori della polizia. L’auto proveniente da un sequestro “rappresenta la possibilità concreta di trasformare un bene simbolo del potere criminale sul territorio da intoccabile a patrimonio comune, destinato cioè alla collettività per fini di utilità pubblica, di crescita condivisa e sostenibile“, come spiega la questura in una nota. “Un percorso che contiene in sé anche una importante valenza formativa – si legge nel comunicato – di educazione alla legalità e di possibile riscatto sociale“.

LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

In questa ottica – prosegue la nota - i beni confiscati alle mafie rientrano nella più classica definizione di bene comune: restituiscono spazi sottratti illegalmente, rappresentano un segno tangibile della rivincita di un’intera comunità“. La Smart con i colori d’Istituto e completa delle dotazioni standard previste per le auto della Polizia, ed andrà ad aggiungersi agli altri mezzi attualmente in dotazione. La vettura sarà destinata a servizi di pattuglia in particolari aree del territorio cittadino come, ad esempio, il centro storico, caratterizzato da strade più strette e dalla zona a traffico limitato. “Si tratta – ha detto il questore di Brescia Carmine Espositodi un’auto confiscata alla criminalità organizzata che è stata riconvertita, a partire dai colori per finire con le dotazioni necessarie, per gli usi della Polizia“. “Ne siamo particolarmente contenti – aggiunge – perchè questa iniziativa costituisce un ulteriore segnale di vicinanza che vogliamo dare alla cittadinanza“.

LaPresse/Spada
LaPresse/Spada
LaPresse/Spada
LaPresse/Spada