La poesia sul Bataclan: “Cultura e libertà non può morire”

LaPresse/Valentina Camu

LaPresse/Valentina Camu

Pasquale Borruto è un lettore di StrettoWeb che si diletta periodicamente a realizzare poesie che pubblichiamo volentieri. Oggi l’ultima composizione sui tristi fatti di Parigi. Un sonetto dedicato al Bataclan.

“Bataclan (19/11/2015)
Lumini con fiammelle tremolanti
Tratteggiano ombre su pareti
Sfumano sagome di visi a occhi spenti
Illuminano fiori e sentimenti
Il vento di cadenza vespertina
Prova a tarpare quella luce muta
Passa, ritorna
cerca cancellare
ciò che dolore in petto ha scalpellato
La musica continua a carezzare
L’animo che note ha ricreato
Bataclan risuona di gaiezza
Riluce di bellezza giovanile
I beceri falliscono l’azione
Cultura e libertà non può morire!”