Incendio alla biblioteca di San Procopio (Rc): la solidarietà del sindaco di Roccaforte e San Roberto

Comune_San_ProcopioLo spregevole attentato perpetrato da ignoti contro i locali della Scuola del Comune di San Procopio si descrive da sé. E’ indegno che in una comunità che laboriosamente cerca di superare quel marchio  che possono imprimere soltanto gli scioglimenti per infiltrazione mafiosa, esistano individui la cui mente riesca a generare soltanto la distruzione di un asilo e di una biblioteca comunale”, scrive in una nota il sindaco di Roccaforte Domenico Penna. “Una sparuta minoranza non può mettere in cattiva luce l’immagine di una comunità fatta da persone perbene. L’attuale Amministrazione Comunale del Comune di San Procopio -prosegue- guidata dal dr. Eduardo Lamberti Castronuovo, si è distinta ad oggi per il  rispetto delle leggi e delle norme quali guida del vivere civile e del rispetto dell’individuo. Il tema del “fare” per questa amministrazione è stato ed è centrale, cercando di rispondere con i fatti alle esigenze legittime della comunità. Siamo certi che la comunità tutta di San Procopio affiancherà la propria Amministrazione Comunale, sollecitandola a continuare il percorso fin qui intrapreso di istituzione al servizio dei cittadini. Noi crediamo che la buona politica, per essere tale, deve sapere operare libera da ogni condizionamento esterno e perseguire sempre interessi generali e non quelli di pochi“, conclude.

Dello stesso avviso il sindaco di San Roberto e Presidente dell’Associazione dei Comuni dell’Area dello Stretto Roberto Vizzari“esprimo la mia solidarietà e quella di tutta San Roberto al Sindaco, Eduardo Lamberti Castronuovo, e a tutta la comunità di San Procopio”. “Un nuovo gesto intimidatorio, ancora in Calabria, nel giro di pochi giorni. Bisogna reagire con fermezza e con coraggio – afferma ancora Vizzari –insieme ai cittadini onesti, che sono la stragrande maggioranza del nostro territorio, per dire ‘basta’ a logiche mafiose, minacce e condizionamenti. E’ nostro compito arginare, attraverso un coeso ed incisivo gioco di squadra, fenomeni ignobili, come questo, che non giovano alla democrazia e alla legalità. Per questo siamo al fianco del Sindaco Lamberti Castronuovo e della sua comunità per sostenerlo e per condividere le iniziative che questi vorranno mettere in atto”. 

Solidarietà per il vile gesto anche da Vincenzo Crea, referente unico dell’Ancadic Onlus: “nel condannare fermamente e senza alcuna esitazione il vile gesto, il nostro cuore e il nostro pensiero sono costantemente vicini al Sindaco del Comune di San Procopio, alla popolazione, all’intero ambiente scolastico e ai bambini”, conclude Crea.