Favoreggiamento dell’immigrazione clandestina: 10 arresti nel mondo circense. Al vertice un reggino

Portata alla luce un’associazione internazionale dedita al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, coinvolti almeno 500 soggetti stranieri per un giro d’affari di circa 7 milioni di euro

polizia-notteScattate altre dieci misure emesse dal Gip di Palermo, nell’ambito di un blitz all’interno del mondo circense che ha portato alla luce un’associazione internazionale dedita al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina in Italia di soggetti provenienti prevalentemente dall’India, dal Pakistan e dal Bangladesh: nelle precedenti due tranche dell’operazione erano finiti in manette impresari di circhi e tre burocrati della Regione siciliana.

polizia-800x600Coinvolti almeno 500 soggetti stranieri per un giro d’affari di circa 7 milioni di euro. L’organizzazione, dietro pagamento di diverse migliaia di euro, ha garantito a centinaia di indiani, pakistani e bengalesi di entrare nel Paese tramite la concessione di un visto d’ingresso per ragioni di lavoro, ottenuto grazie alla collaborazione di dipendenti corrotti dell’assessorato regionale delle politiche sociali e del lavoro. Le misure, a carico di 5 italiani e 5 stranieri, sono: 7 ordinanze di custodia cautelare in carcere, 2 divieti di espatrio ed un obbligo di presentazione. Per l’esecuzione delle misure cautelari hanno collaborato con la Squadra mobile di Palermo, gli uffici di Roma, Firenze, Arezzo, Latina, Milano.

Tra i soggetti destinatari della misura della custodia cautelare in carcere, gia’ destinatari di provvedimento di fermo: Tommaso Fernandez, 56enne di Reggio Calabria, uno dei capi dell’associazione nonche’ tra gli ideatori del meccanismo; Kishan Chand, indiano di 50 anni; Avtar Chand, 31enne nativo del Bangladesh; Gabriel Marinescu Mihai, romeno di 36 anni, e Ronny Denji, 53 anni di Aosta; Rashid Manzoor, indiano di 48 anni. Divieto di espatrio per un finlandese di 69enne e un 47enne di Butera. Obbligo di presentazione per un 66enne di Arce del circo “De Blasis”. Rimane latitante, Nirmal Singh, altro elemento di spicco dell’organizzazione.